Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Parte Orangees, progetto per batterie più sostenibili

Parte Orangees, progetto per batterie più sostenibili

Vale 4 milioni di euro, fra i partner italiani Cnr ed Enea

ROMA, 07 febbraio 2024, 15:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Materiali avanzati sempre più sostenibili, performanti, sicuri e a basso costo per una nuova generazione di batterie green: è quanto intende sviluppare Orangees (Organics for green electrochemical energy storage), un progetto da 4 milioni di euro, che vede in campo una partnership tutta italiana. Lo rende noto Enea che fa parte del progetto assieme al Consiglio nazionale delle ricerche (capofila), al Consorzio interuniversitario nazionale per la scienza e tecnologia dei materiali, all'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), a Ricerca sul Sistema Energetico (Rse) e Standex International.
    Le attività di ricerca, spiega Enea sull'ultimo numero del settimanale Eneainform@, "sono rivolte allo studio di nuovi materiali sia ibridi (organici/inorganici) che prettamente organici ottenuti da scarti dell'industria agroalimentare (caseina, siero del latte, cheratina, fico d'India e cellulosa)". Obiettivo del progetto è di "validare i nuovi materiali sia per prestazioni elettrochimiche che per incrementarne la sostenibilità ambientale, diminuendo sempre più in questi sistemi di accumulo la componente inorganica, come litio e cobalto, metalli che rientrano nella lista Ue delle 34 materie prime critiche. Nello specifico, Enea si occuperà della selezione di scarti e sottoprodotti naturali verificandone l'utilizzo come materie prime per produrre membrane ed elettrodi green".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza