Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cappellacci, su salute sfida epocale che riguarda tutti

ANSAcom

Cappellacci, su salute sfida epocale che riguarda tutti

ANSAcom

In collaborazione con Assosalute

“No dualismo ma integrazione tra pubblico e privato”

Roma, 07 novembre 2023, 14:01

ANSAcom

ANSACheck

Onorevole Ugo Cappellacci, Presidente della Commissione Affari Sociali - RIPRODUZIONE RISERVATA

Onorevole Ugo Cappellacci, Presidente della Commissione Affari Sociali - RIPRODUZIONE RISERVATA
Onorevole Ugo Cappellacci, Presidente della Commissione Affari Sociali - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con Assosalute

Quella della salute è da considerare “una sfida epocale ed è una sfida che riguarda tutti, dal quale dipende la sopravvivenza del sistema. Anche guardando semplicemente al recente passato, cominciando dal Covid, che ha stravolto letteralmente le comunità, non solo in termini di emergenza sanitaria, ma di conseguenze sul vivere civile, conseguenze sul tessuto sociale ed economico, con un crollo verticale del prodotto interno lordo dei Paesi”. Lo dice il presidente della Commissione Affari Sociali Ugo Cappellacci.

“Il 6,2 per cento della spesa sanitaria sul Pil”, spiega Cappellacci facendo riferimento alle cifre destinate alla sanità “è una misura esattamente pari a quella che era stata prevista dal governo precedente nelle previsioni. È stata confermata con la differenza che il Pil è aumentato e quindi in termini assoluti anche la cifra destinata alla sanità. C’è una sottovalutazione rispetto a quella che è la media dei paesi europei, che sono tutti su valori superiori al 6,2 per cento. Sono in termini assoluti una cinquantina di miliardi i fondi che mancano per rientrare nella media europea rispetto a quella che è la base attuale, ma dimentichiamo che abbiamo avuto negli ultimi dieci anni un definanziamento di 37 miliardi sulla sanità, che nasce dalla spending review. Esiste una polemica politica che fa parte del gioco delle parti, che è difficile giocarla sui numeri perché questo dovrebbe essere un dato abbastanza oggettivo. Credo che occorra però superare questo tipo di situazione, bisogna cercare di andare a rendere virtuoso questo confronto”.

“Non può esistere -aggiunge - una concezione duale nella quale o si è tutto pubblico o tutto privato. Bisogna che i due sistemi si integrino, intanto rispetto a quella che è la spesa sanitaria nazionale, eliminando i disequilibri che ci sono sul territorio”. Secondo Cappellacci si può arrivare nel medio-lungo periodo a “un equilibrio che sia più a portata di un sistema, che renda merito a quello che è l'eccellenza del nostro servizio sanitario nazionale, che è universalistico. Poche altre realtà del mondo possono vantare un sistema di questo tipo. Ma occorre che diventi anche sostenibile”. 

ANSAcom - In collaborazione con Assosalute

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza