Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cosa hanno in comune Salvador Dalì e Chupa Chups?

Cosa hanno in comune Salvador Dalì e Chupa Chups?

Il pittore ideò il logo simbolico del contesto culturale degli anni '70

23 luglio 2023, 19:14

Redazione ANSA

ANSACheck

Dalì - Chupa Chups @ #designprisoners - Cavalleri Comunicazione - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dalì - Chupa Chups @ #designprisoners - Cavalleri Comunicazione - RIPRODUZIONE RISERVATA
Dalì - Chupa Chups @ #designprisoners - Cavalleri Comunicazione - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Chupa Chups nasce nel 1958 dall’idea di Enric Bernat, un imprenditore catalano di lunga tradizione dolciaria, che diede questa nuova forma sferica al Lollipop (il classico lecca-lecca a disco). Bernat, dato il successo del suo prodotto, nel 1961, registrò ufficialmente il marchio Chupa Chups, e decise che era giunto il momento di dare anche una chiara identità visiva al brand nascente. Potendo contare sull’amicizia con Salvador Dalì - ricorda #designprisoners nella rubrica design d'autore -  nel 1968, chiese al pittore surrealista di occuparsi del restyling del logo, e nel giro di un’ora, durante una cena, su un foglio di giornale prese forma la margherita gialla dai contorni rossi che sintetizza un mix di simboli legati al contesto culturale degli anni ’70: i figli dei fiori, l’allegria e la spensieratezza, la voglia di cambiamento e l’esaltazione della giovinezza.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza