Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio ad Andrea Branzi, tra i padri del design italiano

Addio ad Andrea Branzi, tra i padri del design italiano

Il ricordo di Stefano Boeri, "un gigante del pensiero radicale"

ROMA, 09 ottobre 2023, 15:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Andrea Branzi - uno degli indiscussi padri del design italiano, architetto e artista di fama internazionale e Compasso d'Oro alla Carriera. - è morto il 9 ottobre all'età di 85 anni. Era docente al Politecnico di Milano. Nel 1966, Andrea Branzi ha fondato, con Massimo Morozzi, Paolo Deganello e Gilberto Corretti, uno dei progetti più fecondi e influenti del pensiero progettuale contemporaneo: Archizoom Associati. Lo studio è stato la fucina del pensiero del design radicale: da qui è nata l'idea di considerare l'architettura e il design come strumenti per un'elaborazione critica della società e delle sue derive consumistiche.
    Il Presidente Stefano Boeri, il Consiglio di Amministrazione, la Direttrice Generale Carla Morogallo e il Comitato scientifico di Triennale Milano ricordano Andrea Branzi, maestro dell'architettura e del design che nel corso della sua carriera ha intrecciato numerose volte la sua storia con quella di Triennale.
    Tra le mostre curate da Branzi per Triennale si ricordano: Il design italiano 1964-1972. Dalla programmazione alla complessità e Il design italiano 1973-1990. Un museo del design italiano (entrambe del 1996), che hanno rappresentato un importante momento di riflessione propedeutico alla costituzione del Museo del Design Italiano, Le sette ossessioni del design italiano (2007) e Serie Fuori Serie (2009). Numerosi anche i contributi alla Esposizione Internazionale, tra i più recenti le mostre Neo Presitoria - 100 verbi e La Metropoli Multietnica in occasione della 21ª edizione del 2016.
    Un anno fa, in occasione della 23ª Esposizione Internazionale, Triennale ha prodotto e presentato il mediometraggio Andrea Branzi. Mostra in forma di prosa, che ripercorre l'impegno intellettuale di circa settant'anni di carriera di una figura che ha saputo anticipare e interpretare importanti trasformazioni sociali e culturali.
    Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano, dichiara: "Ci ha lasciati Andrea Branzi. Un gigante del pensiero radicale sugli spazi umani, un sofisticato storico della progettualità italiana, un designer visionario capace di abitare con ironia altri universi e mondi paralleli. Ci regala un'eredità potente e generativa di opere e testi - e un film prodotto un anno fa da Triennale che a tutti gli effetti è il suo testamento intellettuale." Da mercoledì 11 ottobre l'ingresso del Museo del Design Italiano accoglierà un omaggio ad Andrea Branzi esponendo una selezione di suoi progetti, parte della collezione permanente di Triennale". Nella giornata di venerdì 13 ottobre, dalle ore 18.00, si terrà la proiezione pubblica di Andrea Branzi. Mostra in forma di prosa.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza