Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giovani chef italiani, il futuro è all'estero

Giovani chef italiani, il futuro è all'estero

Esperienze fuori penisola con l'idea di tornare

NEW YORK, 12 dicembre 2023, 15:58

di Gina Di Meo

ANSACheck

Una brigata di cucina foto iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una brigata di cucina foto iStock. -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Una brigata di cucina foto iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA

Italia, paese con una delle tradizioni culinarie più ricche e famose al mondo, non è in grado di tenersi stretti i giovani talenti dietro i fornelli. Ad essere in fuga non sono solo i cervelli ma anche tanti aspiranti chef.  'L'Italia non è un paese per giovani chef', titola un report della Reuters, sarebbero infatti tanti i sottopagati, con turni estenuanti e senza prospettive. Chi può va all'estero, in particolare negli Stati Uniti, a New York.
   Tra i vari esempi il caso di Davide Sanna, di origini sarde, che per perseguire il suo sogno è stato costretto a fare i bagagli e a trasferirsi oltre oceano. Davide ha raccontato che ha iniziato a lavorare nelle cucine di diversi ristoranti della Sardegna da quando aveva 19 anni. Nei casi migliori portava a casa 1800 euro sgobbando per 60 ore alla settimana. La svolta è arrivata quando un collega lo ha messo in contatto con un ristoratore alla ricerca di cuochi a New York. Il giovane non ci ha pensato due volte ed ha accettato l'offerta. Davide, 25 anni, ora lavora da 'Piccola Cucina', noto ristorante italiano con diverse sedi, tra cui una nel quartiere posh 'SoHo'. Porta a casa circa 7mila dollari al mese lavorando 50 ore a settimana.   "Qui ci sono regolari contratti - ha spiegato - nulla è in nero.   Se lavori un minuto extra vieni pagato. Non è come in Italia".   Un altro giovane chef  'in fuga'  è Roberto Gentile, 25 anni, siciliano. Dopo aver lavorato in Spagna e nel Regno Unito, ora è Le Suquet, ristorante francese due stelle Michelin nelle vicinanze di Toulouse. Nonostante la sua passione per la cucina italiana e il desiderio di tornare nel Bel Paese, Gentile ha detto che i freni economici non giocano a favore. "Dopo aver fatto esperienza all'estero e aver raggiunto un certo livello - ha sottolineato - la speranza sarebbe di tornare in Italia alla ricerca di un ruolo adatto e uno stipendio decente. Ma non succede. Dove mi vedo fra cinque anni? Non in Italia".
    E poi c'è chi ha provato a tornare, come Giorgia Di Marzo. Dopo aver lavorato nel Regno Unito, Giorgia è tornata in Italia ed ha aperto un ristorante a Gaeta. Ora fa fatica a stare a galla e a causa dei costi elevati di gestione e di personale può solo offrire ai suoi dipendenti contratti trimestrali in particolare nei periodi di bassa stagione. A questo punto, l'autrice dell'articolo tocca un'altra nota dolente per l'Italia, ossia il lavoro nero. Si sottolinea che per molti ristoratori la risposta alle condizioni economiche difficili è di non dichiarare il personale. Questa economia ombra è particolarmente diffusa nel settore della ristorazione.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza