Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ladri seriali di Fiat Panda, sei furti tra Caserta e Napoli

Ladri seriali di Fiat Panda, sei furti tra Caserta e Napoli

Erano già stati arrestati in flagranza sempre per stesso modello

NAPOLI, 01 marzo 2024, 11:14

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondono del furto di sei auto (solo uno tentato), tutte Fiat Panda, commessi tra le province di Caserta e Napoli, i due uomini di 29 e 63 anni arrestati dai carabinieri e condotti in carcere su ordine del gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta).
    I due ladri, residenti nel Napoletano, a Caivano e Afragola, furono già arrestati in flagranza dai carabinieri nell'ottobre del 2022 mentre tentavano rubare una Panda nel parcheggio dell'ospedale di Marcianise; tornarono poi in libertà, ma intanto le indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere sono andate avanti, ed è emerso che i due erano ladri seriali di Panda, a dimostrazione del fatto che la storica auto della Fiat, come emerge dai dati statistici, è la più rubata in Italia, perché è una delle più vendute ed è dunque facile poterla rivendere nel mercato illegale o smembrarla e piazzarla a pezzi.
    Collaudata la dinamica dei furti: i due indagati - hanno accertato i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere - effettuavano prima dei sopralluoghi per stabilire quale Panda asportare, quindi entravano in azione forzando la portiera dell'auto e manomettendo il quadro di accensione. Determinanti per le indagini le immagini delle telecamere di videosorveglianza pubbliche e private e le denunce presentate dalle vittime.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza