Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Bologna auto blu in corteo contro nuovi limiti di velocità

A Bologna auto blu in corteo contro nuovi limiti di velocità

Protesta nel giorno in cui scattano sanzioni per Città 30

BOLOGNA, 16 gennaio 2024, 12:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una lungo corteo ai 30 chilometri all'ora che ha percorso anche via Rizzoli. A Bologna i conducenti delle auto Ncc, le auto blu, hanno così manifestato il loro dissenso nel giorno in cui in città scattano le prime sanzioni per chi supera i nuovi limiti di velocità del piano 'Città 30'. Tra loro anche qualche tassista che si è unito alla manifestazione, la prima di gennaio: gli organizzatori ne stanno programmando un'altra a fine mese aperta anche ai cittadini e ai corrieri.
    "Ci siamo mossi adesso perché speravamo che il sindaco potesse testare i nuovi limiti in una porzione di città per poi estenderli a tutte le strade, ma non è stato così - spiega Riccardo Busi, autista Ncc, fra gli organizzatori - Si doveva interpellare chi, con l'automobile, lavora tutti i giorni. Così per noi, ora, significa non riusciremo a lavorare: rischiamo la patente, non riusciremo a garantire gli stessi servizi di prima". Gli autisti non escludono anche di dovere ritoccare la tariffe al rialzo. "Così lavorare è molto difficile, siamo preoccupati - aggiunge un collega, Davide Mangialardi, autista Ncc - si poteva pensare prima a sistemare le strade, piene di buche, o a fare piste ciclabili con carreggiate dedicate. Non è facile stare in strada in questo modo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza