Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Sant'Anna di Torino il papà può assistere al cesareo

Al Sant'Anna di Torino il papà può assistere al cesareo

La futura mamma può portare una persona cara in sala operatoria

TORINO, 05 febbraio 2024, 09:42

Redazione ANSA

ANSACheck

Al Sant 'Anna di Torino il papà può assistere al cesareo - RIPRODUZIONE RISERVATA

Al Sant 'Anna di Torino il papà può assistere al cesareo -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Al Sant 'Anna di Torino il papà può assistere al cesareo - RIPRODUZIONE RISERVATA

All'ospedale Sant'Anna della Città della salute di Torino il papà o una persona cara scelta dalla futura mamma potranno starle accanto per il taglio cesareo. La decisione di aprire le porte non soltanto per i parti naturali, per il cesareo potrà essere di natura differente, anche a seconda delle condizioni cliniche della futura mamma. Non verrà infatti utilizzata nel caso si tratti di un intervento d'urgenza, ma soltanto per quelli programmati. La scelta potrà essere dalla presenza del papà o persona cara in sala di preparazione, per stare accanto alla mamma sino all'ultimo minuto prima dell'intervento alla fase post intervento in sala risveglio con mamma e neonato, ma anche fino la presenza in sala operatoria. Un caso, quest'ultimo, che richiede che la persona scelta abbia piena consapevolezza della situazione e che sia in grado di rispettare le regole della sala per la tutela della salute di madre e nascituro.

Lo scopo, come spiega l'ospedale, è "una migliore accoglienza e umanizzazione del parto". Superata la fase di pandemia da Covid, "l'obiettivo è quello di riportare il Sant'Anna alla fase pre-pandemia, durante la quale era un ospedale aperto, dando il maggiore spazio possibile all'esperienza della madre, del neonato e dell'intera famiglia, coniugando i loro bisogni con la tutela della sicurezza delle cure. Con questo obiettivo si stanno avviando, tra le altre, due importanti azioni di miglioramento che prevedono un maggiore coinvolgimento della persona cara scelta dalla donna in sala tagli cesarei (gentle cesarean birth) e l'introduzione di procedure cliniche (protocollo Eras) in grado di migliorare ulteriormente la ripresa della mamma dopo l'intervento.

Il primo papà ad assistere a un cesareo, nei giorni scorsi, ha 33 anni e la mamma 31. Il loro bambino, un maschio di 2,8 chilogrammi, è nato dopo che la donna è stata seguita dall'Ostetricia e ginecologia 2 universitaria, diretta da Alberto Revelli. 
  

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza