Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stanzione, la sfida è contrastare la solitudine digitale

Stanzione, la sfida è contrastare la solitudine digitale

"Sì all'IA ma si tuteli la dignità della persona"

ROMA, 07 luglio 2023, 16:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Dalla bioetica all'intelligenza artificiale, dai poteri privati delle piattaforme al cyberbullismo; dai discorsi d'odio all'oblio; dagli invisibili digitali della gig economy alla telemedicina: in tutti questi ed altri contesti il Garante fornisce il proprio contributo, a tutela di chi viva la solitudine digitale come soggezione all'altrui potere". A rivendicarlo è il presidente dell'Autorità per la privacy, Pasquale Stanzione, che cita Michel Foucault, "la solitudine è la condizione prima della totale sottomissione", e ricorda che "contrastarla è l'obiettivo che il Garante persegue ogni giorno".

Lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, ha detto Stanzione, va indirizzato "in una direzione compatibile con la tutela della persona". "Alla infinita volontà di potenza della tecnica, a ciò che si è definito il playing God, deve porsi un indirizzo e un limite, etico e giuridico, a tutela della dignità della persona. Il rischio, altrimenti, è che le tecniche divengano sempre più opache, mentre le persone sempre più trasparenti, secondo l'idea dell'uomo di vetro cara a sistemi tutt'altro che democratici", afferma. "Rischi non meno trascurabili pone il metaverso, destinato ad avere implicazioni dirimenti sulla società e sulla stessa antropologia contemporanea": è infine il monito del presidente del Garante privacy.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza