Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Usa indagano su chip usato da Huawei sul Mate 60 Pro

Usa indagano su chip usato da Huawei sul Mate 60 Pro

Lo riporta l'agenzia Bloomberg, potrebbe bypassare embargo tecnologico americano

ROMA, 08 settembre 2023, 14:32

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Gli Stati Uniti stanno indagando su un chip 'Made in China' usato sull'ultimo smartphone lanciato da Huawei. Il Dipartimento del Commercio sta infatti lavorando per ottenere più informazioni sul chip montato sul Mate 60 Pro, realizzato dalla cinese Semiconductor Manufacturing International, società che come Huawei è sulla lista nera americana e ha un limitato accesso alla tecnologia statunitense. Lo riporta l'agenzia Bloomberg.

Huawei ha presentato il suo ultimo smartphone, dotato di quella tecnologia che gli Stati Uniti volevano impedire a Pechino di avere, durante la visita del segretario al commercio americano Gina Raimondo in Cina. Il caso del chip solleva diversi problemi per l'amministrazione americana: da un lato lascia intravedere come i controlli all'export debbano forse essere rafforzati, dall'altra parte evidenza un possibile fallimento degli sforzi per ostacolare il settore tecnologico cinese.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza