Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Consorzio Arancia rossa,stop a importazione agrumi dal Sudafrica

Consorzio Arancia rossa,stop a importazione agrumi dal Sudafrica

Diana, evitare che la macchia nera entri in Italia

CATANIA, 15 novembre 2023, 12:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Immediata sospensione delle importazioni di tutti gli agrumi provenienti dal Sudafrica e applicazione da parte dell'Unione europea delle stesse misure applicate da paesi terzi all'esportazione delle olive colpite da Xylella". Lo afferma il presidente del consorzio Arancia rossa di Sicilia, Gerardo Diana, chiedendo "massimo rigore verso gli agrumi sudafricani". "I dati ufficiali del portale Europhyt -Traces - spiega Diana - confermano che, fino a ottobre 2023, sono state individuate 51 partite di agrumi sudafricani colpite da macchia nera degli agrumi (citrus black spot), un numero che rappresenta già la cifra più alta mai registrata. Dei 13 casi registrati nel mese di ottobre in 12 sono avvenuti sulle arance: fatto che sconfessa la decisione presa dagli esportatori di questo paese e recepita dalle sue autorità, secondo cui, dal 15 settembre, solo le arance prodotte in zone del Sudafrica dichiarate indenni da questa malattia potevano partire per l'Ue".
    Diana rilancia anche "l'allarme dell'Organizzazione interprofessionale spagnola degli agrumi Intercitrus". "Dobbiamo potenziare al massimo i controlli - sottolinea - perché si deve assolutamente evitare che queste malattie entrino nel nostro territorio nazionale".
    Per la vice presidente del consorzio, Elena Albertini, "è necessario insistere sull'applicazione del cold treatment agli agrumi provenienti da paesi extra Ue". "Il cold treatment - aggiunge - è obbligatorio già da tempo per le esportazioni di agrumi dall'Ue verso Usa, Cina e Giappone e la Unione europea deve fare in fretta passi in avanti perché il trattamento a freddo sia applicato anche agli agrumi in entrata".
    Provocatoria di posizione anche dal vice presidente vicario del Consorzio Salvatore Scrofani: "per proteggere i nostri agrumeti - dice - sarebbe opportuno, in ogni caso, vietare il confezionamento delle arance sudafricane nelle regioni italiane produttrici di agrumi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza