Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Consorzio Barolo e Barbaresco propone 5 modifiche a disciplinari

Consorzio Barolo e Barbaresco propone 5 modifiche a disciplinari

Tra queste l'eliminazione del divieto sulle colline a nord

TORINO, 26 gennaio 2024, 20:13

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal mondo del Barolo e Barbaresco, grandi vini rossi piemontesi, arriva la richiesta di modifiche nei disciplinari di produzione, anche alla luce dei cambiamenti climatici. Il Consorzio di tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani ha presentato ai produttori 5 proposte. "Ma saranno solamente loro - precisa il Consorzio, in una nota - a prendere una decisione attraverso gli strumenti di legge, ovvero la raccolta firme: 66% della superficie totale dei vigneti oggetto di dichiarazione produttiva e 51% della produzione imbottigliata nell'ultimo biennio".
    In cima alle priorità la limitazione della zona di imbottigliamento per Barolo e Barbaresco". Questa "é l'unica misura caldeggiata, perché urgente e necessaria", spiega il Consorzio di tutela, ricordando che i disciplinari in vigore "essendo stati redatti negli anni '60, non ponevano limitazioni, in quanto era impensabile all'epoca trasportare il vino a lunghe distanze mentre ora è ipoteticamente consentito in tutto il mondo".
    Le altre proposte del Consorzio riguardano: l'interscambiabilità e reciprocità tra le due zone - Barolo e Barbaresco - per la vinificazione e l'imbottigliamento; l'eliminazione del divieto di impiantare vigneti di Nebbiolo atti a Barolo e Barbaresco nei versanti collinari esposti a nord, "che non implicherà in alcun modo l'aumento della superficie - precisa il Consorzio - ma fornirà solamente una possibilità agronomica in più per i produttori". Infine, viene proposta l'aggiunta delle menzioni comunali per la denominazione Barbaresco e il permesso di utilizzare i grandi formati, superiori ai 6 litri.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza