Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Progetto di Assoenologi, una 'Cantina per la Tanzania'

Progetto di Assoenologi, una 'Cantina per la Tanzania'

Avviata una raccolta fondi e materiali per l'enologia

PERUGIA, 01 febbraio 2024, 12:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una "Cantina per la Tanzania" è un progetto di solidarietà firmato Assoenologi, che punta a realizzare il sogno di un giovane sacerdote, padre Kessy Baltazary, che è quello di costruire un impianto per produrre vino a Dodoma, regione del Paese africano, per dare un'opportunità di lavoro ai giovani del posto e ai circa 300 produttori di uve del territorio.
    L'Associazione degli enologi ed enotecnici italiani ha avviato una raccolta fondi e materiali per l'enologia - anche usati, in buono stato - facendosi carico di promuovere l'idea del parroco tanzaniano.
    Don Kessy, supportato anche dal vescovo della locale arcidiocesi, monsignor Beatus Kinyaiya, da circa un anno si è trasferito in Italia per formarsi come enotecnico alla Scuola enologica di Alba, con il supporto della sezione Piemonte di Assoenologi. L'intento del sacerdote è quello di dare vita a una compiuta attività vitivinicola con l'obiettivo di produrre vino per le parrocchie della Tanzania e quindi abbattere i costi di importazione dai Paesi europei, ma soprattutto capace di creare opportunità lavorative per le persone del luogo e creare reddito per i tanti vignaioli che ad oggi sono costretti a vendere le proprie uve a prezzi troppo bassi.
    "L'iniziativa - ha spiegato il sacerdote - non solo contribuirà alla creazione di un'attività economica sostenibile, ma avrà anche un effetto positivo sulla comunità locale. La cantina, oltre a produrre vino di alta qualità, darà anche opportunità di lavoro per gli abitanti della zona, in particolare ai giovani del luogo, altrimenti costretti a emigrare".
    Il presidente di Assoenologi, Riccardo Cotarella, ha ricordato, invece, che "per realizzare la cantina abbiamo bisogno del sostegno di tutti e mi rivolgo sia ai protagonisti del mondo del vino - tutti indistintamente - sia a coloro che vogliano rendersi partecipi di un'iniziativa di solidarietà che davvero scalda il cuore". "Assoenologi - ha ricordato Cotarella - ha già provveduto alla prima donazione di 10 mila euro in favore dell'iniziativa e si occuperà anche della logistica per il trasporto dei materiali e l'eventuale montaggio degli stessi". Sul portale www.assoenologi.it tutti gli estremi per contribuire al progetto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza