Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Italia Nostra chiede l'ampliamento del Parco di Portofino

Italia Nostra chiede l'ampliamento del Parco di Portofino

Oggi in audizione alla commissione Ambiente della Camera

GENOVA, 13 novembre 2023, 15:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"L'ampliamento dell'area del Parco regionale di Portofino è un presupposto necessario all'esistenza stessa dell'Area protetta".
    E' la richiesta che la presidente di Italia Nostra, Antonella Caroli, ha presentato oggi alla commissione Ambiente della Camera.
    "Nella sua istruttoria, l'Ispra, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale - ha spiegato Caroli - aveva perimetrato un'area di 15.339 ettari, facendo notare come si trattasse di una superficie comunque al di sotto della media dei parchi nazionali (64.500 ettari). La necessità di avere una superficie non troppo ridotta nasce da diversi fattori, tra cui alcuni di carattere ambientale. C'è in primo luogo la necessità di evitare la frammentazione e l'isolamento degli habitat naturali. La cosa è impossibile se il parco è costituito da una piccola 'isola' che non permette di salvaguardare la permeabilità degli habitat e i corridoi ambientali".
    Inoltre, secondo la presidente di Italia Nostra, "un Parco può sviluppare appieno le sue potenzialità anche turistiche se ha la possibilità di mettere a rete i molteplici valori, le particolarità, le emergenze artistiche e paesaggistiche, le tradizioni, che caratterizzano e rendono culturalmente e socialmente omogeneo un determinato territorio. È del tutto evidente che un parco 'francobollo' sia privato, già nel nascere, di queste possibilità".
    "Le istituzioni hanno ora deciso di creare il Parco nazionale provvisorio con un territorio di soli tre comuni (Portofino, Santa Margherita e Camogli) per un'estensione di 1056 ettari - ha proseguito Caroli - riducendo drasticamente i 5.363 ettari, previsti dal decreto ministeriale 332 del 2021, che includeva 11 comuni. Inoltre, a partecipare al percorso amministrativo erano stati sette comuni (Rapallo, Zoagli, Chiavari, Coreglia, Camogli, Santa Margherita e Portofino) per un'estensione e ridefinizione del Parco nazionale territoriale di circa 3.000 ettari, condivisa anche da associazioni, ANCI e Federparchi".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza