Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'aorta diventa 'organo', nuove linee guida internazionali

L'aorta diventa 'organo', nuove linee guida internazionali

Coinvolto cardiochirurgo del Sant'Orsola, 'sfida è prevenzione'

BOLOGNA, 01 marzo 2024, 12:57

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'aorta diventa un organo del corpo umano, al pari di cuore, polmone e fegato. È quanto indicato nelle nuove linee guida internazionali elaborate dalla European Association for Cardio-Thoracic Surgery (Eacts) e dalla Society of Thoracic Surgeons (Sts), tra le tre principali società mondiali di chirurgia cardiotoracica.
    "Questo importante documento contiene una novità più di tutte. Siamo stati tutti d'accordo nel considerare l'aorta come un vero e proprio organo, al pari del cuore e dei polmoni: il ventiquattresimo organo del corpo umano. D'ora in poi deve essere considerata così, sia in ambito di diagnosi, che di trattamento e follow-up", spiega Luca Di Marco, cardiochirurgo del Policlinico Sant'Orsola e ricercatore dell'Università di Bologna, tra gli specialisti coinvolti nella stesura delle linee guida. "In generale - sottolinea Di Marco - nel documento viene enfatizzata l'importanza di istituire 'centri aortici' come quello del nostro policlinico, in grado di fornire l'intero spettro di cure altamente specialistiche ai pazienti. Anche nell'ambito degli algoritmi per diagnosi e trattamento, è emersa la necessità di riferire i pazienti in centri in ad alto volume come l'Irccs". "La principale sfida per il futuro - ha aggiunto - è puntare sempre di più sulla prevenzione, con programmi di screening che permettano di fare diagnosi precoce e di scoprire in tempo l'eventuale presenza di un aneurisma aortico".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza