Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tradita da amica e rapinata a Napoli, 'finora denuncia vana'

Tradita da amica e rapinata a Napoli, 'finora denuncia vana'

Bandito perde cellulare e viene identificato: 'è ancora libero'

NAPOLI, 01 marzo 2024, 16:31

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Sono stanca di vederle libere di divertirsi e di postare senza alcun rimorso video mentre ballano in discoteca, dopo avermi raggirata e rapinata: ho denunciato tutto, portato prove, e ora voglio giustizia". E' l'amaro sfogo di una ragazza di 26 anni nata a Piacenza, a cui lo scorso novembre a Napoli, le sono stati rapinati ben 5mila euro dopo essere stata attirata in una trappola da due coetanee conosciute a Roma di cui si era inavvertitamente fidata.
    Secondo il racconto fornito alle forze dell'ordine è stata condotta con l'inganno nei pressi di un palazzo dove poi è stata vittima di una rapinata perpetrata da un bandito poi rivelatosi essere il fratello di una delle sue due losche accompagnatrici.
    Il rapinatore, che quando è entrato in azione ha ignorato le altre due e preso di mira solo lei, dopo avere messo a segno il colpo ha perso il giubbino con dentro il suo cellulare durante la fuga.
    Proprio grazie a quel telefono la vittima è riuscita a identificarlo: determinante è stata la telefonata della madre del rapinatore giunta in quel frangente, la quale ne ha inavvertitamente rivelato l'identità. Il cognome del bandito è risultato essere lo stesso di quello della ragazza che l'aveva condotta lì, e la 26enne ha subito capito che l'amica era stata sua complice. La videosorveglianza della zona, inoltre, ha ripreso e le fasi della rapina e fornito la dinamica dell'accaduto.
    "Dalla sera dello scorso 20 novembre, - dice affranta la 26enne - giorno in cui sono stata rapina e ho denunciato, non ho più saputo niente. Ora provo solo paura e un profondo senso di frustrazione perché sono tutti ancora liberi e impuniti, come se nulla fosse accaduto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza