Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bruxelles all'Italia, in Rai rischi di ingerenza, serve riforma

Bruxelles all'Italia, in Rai rischi di ingerenza, serve riforma

Breton risponde a un'interrogazione parlamentare sulle nomine

08 agosto 2023, 13:54

Redazione ANSA

ANSACheck

Bruxelles all 'Italia, in Rai rischi di ingerenza, serve riforma - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - "La Commissione è consapevole dei rischi di interferenza politica che incidono sull'indipendenza dei media del servizio pubblico in Italia". Lo scrive il commissario Ue per il Mercato unico Thierry Breton in risposta a un'interrogazione firmata da 15 eurodeputati, tra i quali dieci del Pd. Breton evidenzia la mancanza di "sviluppi" nel quadro normativo della Rai "malgrado l'esigenza, menzionata nella relazione" Ue "sullo Stato di diritto 2022 e nell'Osservatorio del pluralismo dei media 2023 di una riforma che permetta alla Rai di resistere meglio ai rischi di influenze politiche e dipendenza finanziaria nei confronti del governo".

Nell'interrogazione, a sigla Socialisti e democratici e Verdi, gli eurodeputati chiedono a Bruxelles come valuta l'impatto che "i cambiamenti nel gruppo dirigente della Rai", a partire dalle dimissioni l'8 maggio 2023 dell'amministratore delegato Carlo Fuortes, "hanno avuto sulla libertà dei media in Italia" e quali misure l'esecutivo Ue intende adottare affinché "i fornitori di servizio pubblico siano al riparto da qualsiasi interferenza politica o economica".

"La relazione sullo Stato di diritto 2023 relativa all'Italia rileva che occorre rafforzare le salvaguardie dell'indipendenza editoriale e finanziaria dei media del servizio pubblico", ricorda Breton, evidenziando che "la proposta della Commissione relativa a una legge europea per la libertà dei media, adottata il 16 settembre 2022 e attualmente oggetto di negoziati legislativi al Parlamento europeo e al Consiglio, prevede una serie mirata di norme volte a rafforzare il funzionamento indipendente dei media di servizio pubblico impedendone la politicizzazione e garantendo lo svolgimento della loro missione per assicurare il corretto funzionamento del mercato interno".

I firmatari dell'interrogazione sono gli italiani del Pd Massimiliano Smeriglio, Franco Roberti, Brando Benifei, Camilla Laureti, Achille Variati, Pina Picierno, Pietro Bartolo, Mercedes Bresso, Giuliano Pisapia e Alessandra Moretti, la tedesca Petra Kammerevert dell'Spd, lo spagnolo Domènec Ruiz Devesa del Psoe, l'austriaco Hannes Heide dell'Spoe, la francese Sylvie Guillaume del Ps, e la spagnola Diana Riba i Giner dei Verdi.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.