Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

C'è l'accordo tra i 27 sui migranti

Von der Leyen, 'ora Patto su migranti entro legislatura'

Redazione ANSA

BRUXELLES - C'è l'accordo tra i 27 sul testo chiave sul regolamento delle crisi del Patto Ue sui migranti. Lo annunciano fonti diplomatiche a Bruxelles.

La svolta sui migranti è avvenuta tra la tarda serata di ieri e la mattina di oggi e non si può escludere che sia stata possibile anche grazie ad un'interlocuzione tra Giorgia Meloni e Olaf Scholz. Fonti qualificate vicine al dossier, senza dire di più, spiegano infatti che l'intesa "è frutto dell'accordo politico" al più alto livello. Ed è un'intesa che, a quanto emerge dal testo concordato alla riunione dei rappresentanti permanenti dei 27, ha visto stralciare dalla proposta iniziale sul regolamento sulle crisi il punto sulle Ong, ovvero sulla loro esclusione dalla situazione sulla strumentalizzazione della migrazione disciplinata dal testo. "L'abbiamo spuntata", sottolineano fonti italiane dopo l'intesa raggiunta a Bruxelles.

Sul testo, fino a pochi giorni fa la Germania aveva tenuto infatti il punto. Giovedì al Consiglio Affari Interni la ministra tedesca Nancy Feaser aveva parlato di linea rossa definendo la proposta spagnola che aveva portato sul fronte del sì sia la Germania sia l'Olanda, necessarie per la maggioranza qualificata. A quel punto l'Italia aveva chiesto un tempo supplementare di riflessione. Lo scontro tra Roma e Berlino sui finanziamenti alle Ong aveva poi indurito lo stallo, frutto anche delle tensioni, in tema di migrazione, tra Verdi e Spd all'interno del governo tedesco. Resta da vedere se il punto sulle Ong sia tornato, nel nuovo testo, nella sua posizione iniziale: ovvero nei cosiddetti "considerando" che, ai fini dell'applicazione del regolamento sulle crisi migratorie, hanno tuttavia una minore incidenza.

"Accolgo con favore l'intesa politica raggiunta dagli Stati membri sul regolamento sulle crisi. E' un vera svolta, che permette di avanzare nei negoziati con il Parlamento Ue e il Consiglio. Uniti possiamo portare a compimento il Patto sulla migrazione prima della fine della legislatura". Lo scrive in un tweet la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

Un portavoce del governo tedesco ha definito "una buona notizia" l'accordo raggiunto a Bruxelles sul regolamento delle crisi del Patto Ue sui migranti che avvicina di "un buon tratto" il varo della riforma sull'asilo da parte del parlamento europeo. La dichiarazione è stata fatta durante la conferenza stampa governativa del mercoledì a Berlino.

"Gli ultimi giorni e le ultime ore hanno dimostrato quanto sia importante lottare fino all'ultimo minuto per gli interessi tedeschi ed europei. È importante che i negoziati con il Parlamento europeo sul sistema europeo di asilo possano ora proseguire rapidamente". Lo ha detto la ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock dopo l'annuncio dell'intesa raggiunta. "Abbiamo lottato duramente e con successo a Bruxelles per garantire che gli standard umanitari minimi non venissero indeboliti", ha aggiunto la ministra dei Verdi.

"In caso di crisi la solidarietà tra gli Stati membri è obbligatoria" e questo rappresenta "un passo avanti comune", ha spiegato Baerbock. "Con i nostri sforzi" nei negoziati "abbiamo fatto in modo che le disposizioni" d'emergenza "possano essere invocate solo in casi molto fondati", ha precisato la ministra.

"Abbiamo bisogno del patto e ne abbiamo bisogno ora, il tempo stringe dobbiamo chiederci per quanto tempo possiamo vivere in una casa costruita a metà". Così nel frattempo il commissario Ue Margaritis Schinas parlando all'Eurocamera in rappresentanza della Commissione durante il dibattito sulla Patto Migrazione e l'Asilo. "Ogni qualvolta che abbiamo dovuto affrontare il tema della migrazione abbiamo dovuto agire al contempo come architetti di un nuovo sistema per la migrazione e pompieri per far fronte a una incredibile e infinita serie di crisi alle nostre frontiere esterne", ha aggiunto Schinas.

"Il più grande 'pull factor' per la migrazione è la mancanza di un sistema europeo di migrazione e asilo", ha proseguito Schinas. "Se falliremo - ha aggiunto -, alimenteremo le false asserzioni dei nemici della democrazia come la disinformazione russa secondo cui l'Europa non saprebbe gestire la migrazione". "Abbiamo il più grande mercato interno, abbiamo una moneta unica, abbiamo tutto tranne un sistema di migrazione unico", ha spiegato il commissario.

Schinas ha poi ricordato come sia stata "migliorata l'intesa Ue-Tunisia specialmente nelle questioni relative al rispetto dei diritti umani". "Stiamo sostenendo l'Italia - ha sottolineato -, abbiamo incrementato la sorveglianza in mare sostenendo registrazione degli ingressi", ha spiegato. "Stiamo inoltre raggiungendo i Paesi di origine e transito per lavorare sulla riduzione delle partenze".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: