Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bruxelles, 'La minaccia terroristica è elevata e può aumentare'

'Stop ad accordi su visti a chi strumentalizza migranti'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Alle "persone considerate una minaccia per la sicurezza che hanno ricevuto un ordine di rimpatrio attualmente può essere chiesto di andarsene volontariamente. Dobbiamo cambiare urgentemente questa situazione". Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Bruxelles con il premier belga, Alexander De Croo, e il premier svedese Ulf Kristersson. "La Commissione Ue per questo ha proposto che se una persona è considerata una minaccia per la sicurezza pubblica, i Paesi devono avere il potere di costringerla ad andarsene. Fa parte del Patto Ue per le migrazioni e l'asilo", ha sottolineato.

"Dobbiamo lavorare di più sui rimpatri come Team Europe" e "i Paesi di origine e di transito devono assumersi la responsabilità dei loro cittadini, questo significa che se li devono riprendere" se non hanno diritto di asilo nell'Ue. Sul fronte operativo, ha spiegato von der Leyen, "servono molte più operazioni congiunte, per esempio attraverso Frontex".

Davanti al terrorismo "ci sono due dimensioni da affrontare: una migliore protezione delle nostre frontiere esterne e una politica di rimpatri più ferma e coordinata", ha detto il premier belga. "E' una battaglia non facile che dobbiamo vincere e, voglio essere chiaro, che vinceremo. E lo faremo insieme", ha sottolineato il primo ministro, chiedendo "un'azione unita e coordinata dell'Ue per affrontare alla radice" il terrorismo.

Secondo Kristersson, "questo sembra essere un attacco terroristico mirato alla Svezia e ai cittadini svedesi solo per il fatto di essere svedesi".  "E' difficile comprendere la portata delle conseguenze di questo attacco terroristico e dei precedenti attacchi di tipo simile. Vogliono ovviamente spaventarci, rifiutano di accettare il nostro modo di vivere, i valori che condividiamo, le opportunità offerte dalle società aperte - ha sottolineato - E capisco perfettamente che molti svedesi in questo momento si sentano spaventati, arrabbiati, frustrati".

"La minaccia terroristica è ancora elevata nell'Ue e potrebbe aumentare. Non siamo ancora arrivati a quel punto, ma restiamo sempre vigili", ha detto la commissaria Ue agli Affari interni, Ylva Johansson, in una conferenza stampa. "Vediamo anche cambiamenti negli schemi" d'azione, con "più attacchi di lupi solitari", ha evidenziato Johansson, mettendo in guardia anche sul rischio di un aumento della "radicalizzazione" legato al conflitto israelo-palestinese.

Sospendere gli accordi di esenzione o facilitazione del visto con i Paesi terzi nel caso di minacce ibride. E' una delle principali proposte contenute nella riforma del meccanismo di sospensione dei visti presentata oggi dalla Commissione europea. "L'evoluzione del contesto geopolitico ha portato con sé nuove sfide" legate ai visti, evidenzia Bruxelles, indicando che la riforma è tesa a "rispondere in modo più rapido e deciso a queste sfide", che includono anche "l'aumento degli arrivi irregolari" di migranti "dovuto al mancato allineamento con la politica dei visti dell'Ue" e "la strumentalizzazione dei migranti".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: