Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tribunale Ue, ok ad aiuti Stato a Alitalia per Covid-19

Bocciati i ricorsi Ryanair

Redazione ANSA

BRUXELLES - Le sovvenzioni concesse dall'Italia ad Alitalia durante la pandemia da Covid-19 costituiscono aiuti compatibili con il mercato interno. Lo ha stabilito il Tribunale dell'Ue, rigettando i due ricorsi di Ryanair che contestavano il via libera della Commissione europea agli aiuti di Stato.

Secondo il Tribunale, Alitalia giocava un ruolo importante per il servizio aereo e per l'economia del Paese, servendo oltre 100 destinazioni nel mondo e trasportando più di 21 milioni di passeggeri. Di conseguenza, osservano i giudici, sono chiari i motivi per cui l'Italia ha scelto questa compagnia come unico beneficiario della misura.

Nel 2020 l'Italia - si ricorda in una nota della Corte Ue - ha previsto la creazione di un fondo di 350 milioni di euro per rimediare ai danni subiti dalle compagnie aeree derivanti dall'imposizione di restrizioni ai viaggi per limitare la diffusione della pandemia di Covid-19.

Le compagnie aeree ammesse a beneficiare di un indennizzo dovevano, da un lato, essere titolari di una licenza di trasporto aereo di passeggeri rilasciata dall'Autorità italiana dell'aviazione civile (Enac) e, d'altro lato, avere avuto l'affidamento di obblighi di servizio pubblico.

Alitalia ha beneficiato di due misure di aiuto individuali per un ammontare di 73,02 milioni di euro e di 199,45 milioni di euro in relazione ai periodi 1 marzo-15 giugno 2020 e 16 giugno-31 ottobre 2020. Senza aprire la procedura formale d'esame prevista dal diritto europeo per gli aiuti di Stato, la Commissione ha ritenuto che le misure in questione costituissero un aiuto di Stato, ma compatibile con il mercato interno.

Tesi contestata in due distinti ricorsi da Ryanair, che ha chiesto l'annullamento delle decisioni della Commissione sul presupposto della mancata apertura di una procedura formale volta ad accertare la compatibilità delle misure con il mercato interno. La compagnia low cost ha inoltre lamentato il fatto che soltanto Alitalia ha fruito degli indennizzi previsti dal fondo.

Con le sentenze odierne, il Tribunale ha rigettato entrambi i ricorsi. Secondo il Tribunale, Alitalia giocava un ruolo importante per il servizio aereo in Italia e per l'economia italiana, servendo oltre 100 destinazioni nel mondo e trasportando più di 21 milioni di passeggeri. Di conseguenza, osservano i giudici, sono chiari i motivi per cui l'Italia ha scelto questa compagnia come unico beneficiario della misura.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: