Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Corte di Strasburgo condanna l'Italia per la discarica a Caserta

In località Lo Uttaro, 'Impatto negativo su salute delle persone'

Redazione ANSA

STRASBURGO - La Corte europea dei diritti umani ha condannato lo Stato italiano per come ha gestito la discarica in località Lo Uttaro, nel Comune di Caserta, dal 1994.

Nella sentenza la Cedu indica in particolare, che l'inquinamento causato dai rifiuti ha avuto un impatto negativo sul benessere personale dei ricorrenti durante la crisi creata dal mal funzionamento dei servizi di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti durante lo stato di emergenza in Campania dal 1994 al 2009 e che tale situazione continua per quanto riguarda la discarica a Lo Uttaro, che a tutt'oggi le autorità italiane non hanno ancora messo in sicurezza o bonificato.

A rivolgersi alla Cedu il 23 giugno del 2010 sono stati 19 abitanti del comune di Caserta e San Nicola La Strada affermando che aprendo la discarica Lo Uttaro e non provvedendo poi alla sua bonifica e al ripristino ambientale, le autorità hanno messo a repentaglio la loro salute e violato il loro diritto a risiedere in un luogo in cui non dovevano subire le conseguenze dell'inquinamento prodotto dalla discarica stessa.

Hanno sostenuto anche che lo Stato li stava discriminando non garantendo la stessa protezione data ad altri cittadini italiani. E infine di non aver potuto far causa per ottenere la restituzione delle tasse pagate per la raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Oggi la Cedu ha dato in parte ragione a undici di loro e ha dichiarato inammissibili i reclami degli altri otto perché non hanno fornito prove di risiedere nei comuni interessati. Nella sentenza i togati di Strasburgo evidenziano che gli 11 abitanti di Caserta e San Nicola La Strada "sono più vulnerabili alle malattie" perché hanno vissuto in un'area dove sono violate le norme di sicurezza sulla gestione dei rifiuti durante l'emergenza in Campania, e in cui "l'inquinamento persiste e mette in pericolo la salute dei ricorrenti".

La condanna dell'Italia giunge due giorni dopo che il Comune di Caserta ha ottenuto un finanziamento di 6,5 milioni di euro per la messa in sicurezza permanente della discarica "Ecologica Meridionale", in località Lo Uttaro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: