Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Macerata un condominio solidale dove tutti si aiutano, per vincere la solitudine

A Macerata un condominio solidale dove tutti si aiutano, per vincere la solitudine

In un complesso di 18 abitazioni dedicate agli over 65 anche il servizio infermieristico. Progetto realizzato e promosso dall'amministrazione comunale

MACERATA, 04 marzo 2024, 15:31

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

 Come una grande famiglia, dove tutti si aiutano e si vogliono anche un po' bene, nonostante qualche incomprensione tipica tra vicini. È quello che da circa un anno e mezzo vivono e raccontano gli inquilini del "condominio solidale" di via Pavese a Macerata.

Quella dei "condomini solidali" è un'esperienza ancora poco diffusa a livello nazionale, ma nelle Marche sembra dare dei risultati importanti sotto l'aspetto sociale e in particolare sembra utile per vincere la solitudine dei più anziani. L'ANSA ha visitato il complesso costituito da 18 appartamenti ben rifiniti, occupati da persone sole o in coppia, ultra-sessantacinquenni per regolamento, fatta eccezione per la cosiddetta famiglia tutor che ha il compito di fare da trait d'union tra gli inquilini e l'amministrazione comunale che ha dato vita al progetto, rispolverando un vecchio bando regionale del 2004-2005.

Da pochi giorni è stato istituito anche il servizio infermieristico all'interno del condominio: due volte al mese, Giulia - l'infermiera - si reca in via Pavese e si mette a disposizione dei condomini per monitorare il loro stato di salute. "La presenza di un'infermiera professionale all'interno del condominio solidale è un importante obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione con l'Ircr, l'azienda pubblica servizi alla persona", spiega l'assessora comunale alle politiche sociali Francesca D'Alessandro che sottolinea la "bontà di un'esperienza che vorremmo replicare e che andrebbe maggiormente esportata a livello nazionale per permettere a persone anche molto anziane di vivere la loro età avanzata in un ambiente bello, confortevole e sicuro".

Video A Macerata il condominio solidale: disponibile anche servizio infermieristico

 

 "La nostra è una realtà che deve fare i conti con una popolazione che invecchia e questa è una splendida alternativa alle case di riposo". Gli inquilini spiegano la solidarietà che si crea tra i vicini di appartamento: "nella porta accanto vive un signore di una novantina d'anni - racconta Caterina - ogni giorno gli faccio visita e se serve lo aiuto a sbrigare qualcosa in casa". Il palazzo è dotato di una grande sala comune e di una stanza dove opera l'infermiere. In tutte le case arriva il collegamento wi-fi e c'è un impianto di allarme.

 Annamaria Verolo e il marito Fabio sono i tutor: “Questa realtà - racconta la donna - è cresciuta e sta crescendo a piccoli passi, è stato necessario conoscerci, adesso si iniziano a cogliere gli aspetti più belli e positivi di questa esperienza”. Sottolineata, per importanza, anche da Amedeo Gravina, presidente Ircr, che si sofferma sul servizio infermieristico curato dal personale messo a disposizione dalla stessa Azienda pubblica: “C’è l’esigenza - spiega - di portare il primo approccio di salute e in generale di sanità, verso il cittadino”.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza