Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dodik a Putin, siamo contro la Nato e sanzioni a Russia

Dodik a Putin, siamo contro la Nato e sanzioni a Russia

Leader del Cremlino, 'Republika Srpska è amica della Russia'

SARAJEVO, 21 febbraio 2024, 16:32

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

Il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik ha incontrato oggi a Kazan, a est di Mosca, il presidente russo Vladimir Putin, al quale ha ribadito la ferma posizione della Republika Sprska, l'entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina di cui lui stesso è presidente, contraria alle sanzioni alla Russia e a una eventuale adesione alla Nato.
    "Confermiamo i buoni rapporti che la Republika Srpska ha nei confronti dello stato russo e della vostra persona. Respingiamo ogni possibilità di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia", ha detto Dodik nel colloquio con il leader del Cremlino, come riferito dai media a Sarajevo e a Belgrado. "E respingiamo senza esitazione una possibile adesione alla Nato", ha aggiunto il leader serbo-bosniaco, che si è riferito a questo riguardo ai bombardamenti della Nato contro la Serbia nella primavera del 1999 durante la guerra del Kosovo. "Posso dimostrarle che attualmente vi è un gran numero di giovani, perfino neonati che soffrono per le conseguenze dell'uranio impoverito, con il livello di contaminazione radioattiva aumentata nella regione anche di dieci volte, e malattie gravi provocate da tali bombardamenti", ha detto Dodik a Putin. Il presidente russo da parte sua ha definito la Republika Srpska "un amico della Russia", e ha ringraziato Dodik per l'appoggio a Mosca. "Sappiamo che la situazione nella Republika Srpska non è semplice, e siamo pronti a discutere su tale questione. Vi siamo grati per i rapporti che mantenete con la Russia, e lavoreremo ancora più intensamente per mantenere i nostri buoni rapporti, e sarete sempre i benvenuti nella Federazione russa", ha affermato Putin. Il presidente russo per l'occasione ha consegnato personalmente a Dodik l'Ordine di Aleksandr Nevski, una delle più alte onorificenze della Federazione russa, conferita al leader serbo-bosniaco lo scorso giugno "per il grande contributo allo sviluppo della collaborazione tra Federazione russa e Bosnia-Erzegovina, e al rafforzamento della partnership con la Republika Srpska". L'incontro tra Dodik e Putin si è svolto oggi a Kazan, la capitale del Tatarstan, a margine dell'apertura dei Giochi del Futuro. Ieri Dodik, grande ammiratore del leader del Cremlino, aveva detto che "incontrare Putin, al di là di quello che dicono in Occidente, è un grande privilegio".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.