Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cccp a Berlino 'est' con tanti simboli del passato

Cccp a Berlino 'est' con tanti simboli del passato

E' l' 'acuto' del ritorno del gruppo punk 'Fedeli alla linea'

BERLINO, 26 febbraio 2024, 14:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Rodolfo Calò) Nella Berlino in cui nacquero, i "Cccp - Fedeli alla Linea" hanno tenuto il secondo di tre concerti che segnano un nuovo acuto nella rinascita di questo complesso punk rock degli anni Ottanta tornato da pochi mesi alla ribalta. Il gruppo di Giovanni Lindo Ferretti, che si presenta come interprete di un misto di "Punk filosovietico e musica melodica emiliana", si è esibito nella ex-Berlino est puntando scenicamente anche su simboli dell'allora Ddr e del comunismo senza peraltro alcuna chiara rielaborazione critica.
    Insomma tre concerti nella "Deutsche Demokratische 'Dismantled' Republik", la Repubblica di Germania Est 'smantellata' nel 1990 quando il gruppo cessò l'attività iniziata nell'82: "Cccp in Dddr", come suona il titolo del concerto. L'esibizione si è svolta all'Astra Kulturhaus di Friedrichshain, struttura al coperto per concerti nel quartiere del profondo est della capitale tedesca che Ferretti ha definito in un breve monologo parte della "Berlino ferroviaria e imperiale, ultimo margine rimasto rudimentale e vivo prima dell'assalto definitivo delle gru e dei grattacieli vetrati".
    Tutto esaurito da mesi come il primo tenuto sabato e quello di stasera, il concerto si è aperto con un video zeppo simboli della Ddr tra cui cavalli di frisia, pezzi di muro e l'utilitaria di regime, la Trabant, sulle note dell'inno della Repubblica democratica tedesca e si è chiuso con un'esecuzione di "Amandoti", accompagnata solo da violino e coro del pubblico.
    Annarella Giudici, presentatasi come "benemerita soubrette", ha portato sul palco fra l'altro una bandiera della Ddr, una rossa del Pci con falce e martello e un simbolo sovietico. Sul palco è apparso anche il giornalista e volto noto dei dibattiti televisivi Andrea Scanzi che, di nuovo tra fischi come la serata precedente, ha arringato brevemente il pubblico introducendo l'esecuzione di "Emilia Paranoica". A un tratto Ferretti gli ha messo in capo un elmetto da "Vopo", la militarizzata polizia della Ddr. Visivamente, oltre alle luci abbacinanti, ha dominato l'ormai corpulento Danilo Fatur, definito da Giudici "artista del popolo" ed esibitosi quasi costantemente a torso nudo con cinghie bondage. Il pubblico, stimato dagli organizzatori anche ieri in 1.500 persone e arrivando quindi sicuramente stasera a un totale di 4.500 circa per le tre serate, ha mostrato di conoscere fin dalle prime note molti successi: da "Battagliero" a "Spara Jurij", da "Morire" e "Curami", fino a "Cccp in Ddr - Wir sind die Turken von heute". I tre concerti con la formazione storica che include il chitarrista Massimo Zamboni chiudono un progetto che include la mostra in corso da ottobre fino al 10 marzo ai Chiostri di San Pietro di Reggio Emilia "Felicitazioni! Cccp-Fedeli alla linea. 1984-2024" che ripercorre la loro storia in attesa di concerti in Italia con date ancora da annunciare.
    All'ingresso erano in vendita il nuovo album "Altro Che Nuovo Nuovo" uscito la scorsa settimana con pezzi inediti quali 'Oi Oi Oi', 'Sexy Soviet' e 'Onde'; spillette col titolo del concerto e il libro della mostra di Reggio Emilia, loro luogo di origine.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.