Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Entro il 2030 automatizzato il 30% delle ore lavoro in Usa

Entro il 2030 automatizzato il 30% delle ore lavoro in Usa

Studio, tendenza accelerata dall'intelligenza artificiale

BRUXELLES, 28 luglio 2023, 12:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 "Entro il 2030, le attività che rappresentano fino al 30% delle ore lavorate attualmente nell'economia statunitense potrebbero essere automatizzate". È quanto emerge dal nuovo rapporto del McKinsey Global Institute, in cui si sottolinea come tale tendenza sia "accelerata dall'Intelligenza artificiale (IA) generativa" che ha "esteso le possibilità di automazione a un insieme molto più ampio di occupazioni".
    L'Ia generativa, si legge nello studio, può migliorare il modo in cui lavorano i professionisti Stem (scienza, tecnologia, matematica e ingegneria, ndr), creativi, commerciali e legali, piuttosto che eliminare del tutto un numero significativo di posti di lavoro. Gli effetti maggiori dell'automazione colpiranno probabilmente altre categorie lavorative, rilevano gli esperti, specificando che l'occupazione nei settori dell'assistenza agli uffici, del servizio clienti e della ristorazione "potrebbe continuare a diminuire". Ad essere più colpiti saranno i lavoratori meno qualificati e con salari più bassi, in particolare le donne, fortemente rappresentate nei settori dell'assistenza agli uffici e del servizio clienti, ed i lavoratori neri e ispanici, concentrati perlopiù in alcune occupazioni in contrazione, come i servizi alla clientela, i servizi di ristorazione e i lavori di produzione.
    Lo studio, infine, si sofferma ad illustrare "la rapida evoluzione" del mercato del lavoro statunitense, già modificato dalla pandemia che ha indotto i lavoratori ad optare per "modelli remoti o ibridi" e i datori di lavoro ad accelerare "l'adozione delle tecnologie di automazione". Una rivoluzione che ha portato "8,6 milioni di cambiamenti occupazionali" tra il 2019 e il 2022. Con lo sviluppo dell'Ia generativa, gli esperti prevedono che entro il 2030 almeno 12 milioni di lavoratori dovranno cambiare occupazione, una stima in aumento del 25% rispetto alle previsioni di poco più di due anni fa.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza