Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Inchiesta Monte Nuovo, torna libera ex assessora Sardegna

Inchiesta Monte Nuovo, torna libera ex assessora Sardegna

Revocati gli arresti domiciliari a Gabriella Murgia

CAGLIARI, 01 marzo 2024, 18:01

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'ex assessora all'Agricoltura della Regione Sardegna, Gabriella Murgia, è tornata in libertà.
    Era stata arrestata il 27 settembre 2023 nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Cagliari, ribattezzata Monte Nuovo, che ha disarticolato una presunta associazione criminale della quale facevano parte colletti bianchi ed esponenti della criminalità del Nuorese.
    Murgia, difesa dagli avvocati Enrico Meloni e Carlo Figus, era stata trasferita in un primo tempo nel carcere di di Uta, poi ad ottobre era stata scarcerata e per per lei erano stati decisi gli arresti domiciliari. Oggi la revoca anche dell'ultima misura cautelare.
    Nelle scorse settimane è uscito dal carcere anche Tomaso Cocco, il primario del reparto di Terapia del dolore dell'ospedale Binaghi coinvolto nella maxi inchiesta. Per lui sono stati disposti i domiciliari a Tula, piccolo comune del Sassarese dove vive un familiare del medico. A sorpresa Cocco, dal carcere di Uta, era stato trasferito a Palermo, nella casa circondariale Pagliarelli, destinata alla detenzione di mafiosi in alta sorveglianza. Il tutto nonostante il Tribunale del Riesame di Cagliari avesse escluso l'ipotesi di associazione mafiosa, ipotizzando una semplice associazione a delinquere finalizzata a compiere reati contro la pubblica amministrazione.
    Anche per l'ex assessora Murgia sono cadute le stesse ipotesi di accusa. Secondo gli inquirenti, Murgia e Cocco sarebbero stati il punto di congiunzione tra i gruppi criminali e le istituzioni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza