Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Presa di Cristo, il Caravaggio misterioso torna a Napoli

La Presa di Cristo, il Caravaggio misterioso torna a Napoli

Fino al 16 giugno a Palazzo Ricca. "È questa la prima versione"

NAPOLI, 01 marzo 2024, 18:13

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo 194 anni torna a Napoli La Presa di Cristo di Caravaggio (1602) della collezione Ruffo, in mostra alla Fondazione Banco di Napoli fino al 16 giugno.
    L'esposizione segue l'anteprima al Palazzo Chigi di Ariccia dopo l'intervento di restauro anche attraverso indagini diagnostiche e presenta l'opera come la prima versione del misterioso capolavoro.
    L'esposizione è a cura di Francesco Petrucci e don Gianni Citro, presidente della Fondazione Meeting del Mare Crea. "La Presa di Cristo esposta nelle sale di Palazzo Ricca è il più importante ritrovamento dell'opera di Caravaggio degli ultimi decenni per la complessità della composizione e per i contenuti spirituali che esprime", dice Petrucci. "Il quadro, che ritorna a Napoli dove nella collezione Colonna di Stigliano era presumibilmente rimasto fino al 1830 circa, è la prima versione della Presa di Cristo, seguita poi dalla replica di Dublino, che non ha la stessa potenza espressiva, è molto più piccola e non ha la cornice nera rabescata d'oro".
    La Presa di Cristo, nota attraverso 'due originali e quindici copie', come si legge nello stesso allestimento, è una delle composizioni spiritualmente più intense e ricche di pathos dell'attività romana di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Prima di Ariccia questo quadro era stato esposto soltanto nel 1951 alla storica Mostra del Caravaggio e dei caravaggeschi, a cura di Roberto Longhi, al Palazzo Reale di Milano. Venti anni fa venne acquistato dall'attuale proprietario Mario Bigetti.
    Visitabile con la mostra anche il Museo del Cartastorie dove sono custoditi tre importanti documenti che incuriosiranno gli appassionati: la committenza del mercante Nicolò Radolovich al Caravaggio per una pala d'altare, datata 6 ottobre 1606, prima testimonianza certa della presenza a Napoli del Caravaggio in fuga da Roma; il pagamento per la realizzazione di Sette opere di Misericordia, del 9 gennaio 1607; un documento dell'11 maggio 1607 riferito alla Flagellazione, un tempo nella chiesa napoletana di San Domenico Maggiore.
    Alla presentazione hanno partecipato il presidente della Fondazione Banco di Napoli, Orazio Abbamonte e il presidente del Museo dell'Archivio il Cartastorie, Marcello D'Aponte.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza