Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Elena Loewenthal racconta in un saggio la lingua ebraica

Elena Loewenthal racconta in un saggio la lingua ebraica

In libreria Breve storia (d'amore) dell'ebraico

ROMA, 05 febbraio 2024, 19:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

ELENA LOEWENTHAL, BREVE STORIA (D'AMORE) DELL'EBRAICO, (EINAUDI, PP. 128, EURO 12) Una lingua antica e nuova, con caratteri diversi da quelli latini, senza vocali, si legge da destra a sinistra, è la lingua della Torah: in questo breve saggio Elena Loewenthal ripercorre la storia dell'ebraico. Loewenthal è narratrice e studiosa di storia e letteratura ebraica, e direttrice della fondazione Circolo dei lettori. Breve storia (d'amore) dell'ebraico "non è una grammatica, non è un manuale, non è un trattato. Non ha nulla di scientifico", afferma l'autrice che spiega:"E' un breve e approssimativo racconto, qualche aneddoto sparso su una lingua strana e bella, un po' indecifrabile eppure anche aperta, disponibile. Capace di stupire". "Una lingua scarna" ma sorprendente perché "ha una sua ricchezza semantica tutta particolare, sempre capace di invitare suggestioni, pensieri, divagazioni", scrive Loewenthal. In ebraico, per esempio, per dire silenzio, ci sono tre modi: Sheqet "il silenzio di quiete, di serenità, di assenza di rumori che turbano"; Shetiqah "il silenzio imposto"; Dom "il silenzio abissale, quello del cosmo e talvolta di Dio". La lingua ebraica, viene ricordato in un capitolo, ha prodotto letteratura riconosciuta a livello mondiale; tra le voci di spicco: Amos Oz, A.B. Yehoshua, David Grossman, Amalia Kahana-Carmon, Eshkol Nevo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza