Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fulvio Abbate si autocandida con Lo Stemma al premio Strega

Fulvio Abbate si autocandida con Lo Stemma al premio Strega

"Contro ogni forma di amichettismo" spiega lo scrittore

ROMA, 05 febbraio 2024, 14:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fulvio Abbate ha deciso di autocandidare il suo romanzo, "Lo Stemma" al premio Strega, "contro ogni forma di amichettismo". "Ritengo in quanto Amico della domenica - spiega - che il romanzo possa prendere parte all'edizione del 2024".
    "Lo Stemma - si spiega nella scheda del libro edito dalla Nave di Teseo - è un anti-Gattopardo. Il romanzo indaga il talento della mediocrità. A Palermo, ai nostri giorni. Mostrando il quotidiano di una principessa sontuosamente stupida, Costanza Redondo di Cosseria, accompagnata da personalità cittadine altrettanto modeste, eppure non meno convinte di brillare in un presunto ombelico del mondo (Vittoria Cilona della Ferla, stentata dama letteraria, intenta a compilare un seguito proprio delle pagine di Tomasi di Lampedusa; Duilio Vitanza, usciere regionale dedito al più risibile mondo dell'occulto; Penny Capizzi, mafiosa e femminista; Ruggero Barraco, organizzatore di eventi culturali, al lavoro per ottenere l'appalto del Carro del Festino di santa Rosalia; Brando Sucato, commerciante di moquette di colore bianco; solo il barone Carlo Sicuro prova a restituire coscienza all'intero racconto) mette in discussione luoghi comuni e retorica su un topos letterario tra i più accreditati del modesto "turismo letterario" nazionale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza