Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ferragamo, dagli anni'20 un'ode alla libertà

Ferragamo, dagli anni'20 un'ode alla libertà

In passerella piume e cinture, lane pesanti e trasparenze

MILANO, 24 febbraio 2024, 20:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Piume e trasparenze o lane pesanti e cappotti severi: liberi tutti sulla passerella di Ferragamo, dove va in scena la collezione per il prossimo Autunno-Inverno 2024, davanti a ospiti come Mahmood.
    Un percorso di liberazione che il direttore creativo Maximilian Davis affronta a partire dalla visione distintiva degli anni '20, pensando all'estetica delle donne che scelsero di vestirsi con abiti maschili, come Joan Crawford e Greta Garbo.
    "Negli anni '20 gli abiti rappresentavano un modo per celebrare la libertà - spiega Davis - Quell'espressione di libertà oggi risuona in me, nel mio heritage e in Ferragamo".
    Così ai cappotti e ai blouson in loden con martingala e alta cintura si accostano piccoli abiti in maglia o sottovesti in organza laccata, sandali di marabù e tuniche di maxi paillettes.
    Le alte cinture sono le caratteristiche fondamentali anche delle gonne e delle cappe avvolgenti, elemento caratteristico dell'archivio Ferragamo oggi pensate come strati di protezione.
    "Negli anni venti, in risposta al mondo che le circondava, le persone creavano i propri spazi nei luoghi clandestini", prosegue Davis. "Nascondevano ciò che indossavano finché non si sentivano al sicuro".
    Così l'idea di protezione, dagli stivali alla coscia alle giacche in pelle, torna a far da contrappunto alla fluidità dei drappeggi. Fondamentali, ovviamente, le calzature, dove gli stilemi dell'epoca sono rivisti in modo discreto: la forma a cuore di una décolleté in raso; un cinturino T su un tacco a spillo; un sandalo a listini riscoperto nell'archivio. "Tendo sempre a semplificare le cose - conclude Davis - Amo partire dalla ricchezza della storia per poi distillarla e renderla più pulita, più moderna". Così nell'abbigliamento, tra spirito androgino e sottili sovvertimenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza