Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Teatro di Roma, c'è ipotesi accordo ma serve modifica statuto

Teatro di Roma, c'è ipotesi accordo ma serve modifica statuto

Cda il 30 gennaio. verso doppia direzione, De Fusco-Cutaia

ROMA, 28 gennaio 2024, 15:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Con una telefonata ieri tra Ministero della Cultura, comune di Roma e regione Lazio, si sarebbe sbloccata la difficile situazione che si era creato a Teatro di Roma dopo la nomina di Luca De Fusco a direttore generale.
    Nomina avvenuta sabato scorso in un cda che il presidente della Fondazione, Francesco Siciliano aveva definito ''non valida secondo lo statuto''. Dopo giorni di contrapposizione politica e polemiche la situazione dovrebbe trovare una soluzione nella prossima riunione del Cda prevista, a quanto si apprende, per il prossimo 30 gennaio. In quella occasione ci dovrebbe essere una doppia nomina, ovvero De Fusco dovrebbe rimanere come direttore artistico del teatro Argentina, del Teatro India, del Torlonia e del Valle quando sara' di nuovo agibile. Mentre il ruolo manageriale - che nella prima nomina contestata era unificato sempre sotto la guida di De Fusco - di direttore generale andrebbe a Onofrio Cutaia. Cutaia sta per terminare il suo mandato di commissario straordinario al Maggio Fiorentino, dove - secondo i piani attribuiti al Mic - potrebbe arrivare l'ex Ad Rai, Carlo Fuortes. Per contemplare questa doppia figura pero' serve una modifica allo statuto, la regione l'avrebbe gia' approvata mentre per il comune i tempi sarebbero piu' lunghi perche' il vecchio statuto era stato approvato in aula e dovrebbe essere seguita una procedura simile. "Andiamo verso una soluzione condivisa sul Teatro di Roma, come abbiamo sempre auspicato. La giunta del presidente Rocca si è sempre richiamata e ha sempre praticato d'altronde i principi della corretta collaborazione istituzionale e della priorità degli interessi della città sulle polemiche sterili. Abbiamo sempre ribadito l'importanza del pluralismo, della piena rappresentazione di tutte le sensibilità, della nostra totale disponibilità a bilanciare tutti i livelli istituzionali in uno spirito di coesione e collaborazione. Finalmente siamo vicini a trovare la quadra", ha detto Simona Baldassarre, assessora alla Cultura della Regione Lazio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza