Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio a Zvi Zamir, leggendario capo del Mossad

Addio a Zvi Zamir, leggendario capo del Mossad

Aveva 98 anni, con Golda Meir negli anni bui del 'Settembre nero'

02 gennaio 2024, 19:46

Aldo Baquis

ANSACheck

Zvi Zamir (Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Zvi Zamir (Wikipedia) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Zvi Zamir (Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Israele saluta Zvi Zamir, il mitico capo del Mossad negli anni Settanta, morto oggi a 98 anni. Il suo nome resterà scolpito per sempre nella storia di Israele: in particolare per il ruolo svolto all'inizio degli anni '70 quando lo Stato ebraico dovette cimentarsi contro i dirottamenti di aerei da parte di fedayn palestinesi, contro il terrorismo sofisticato del 'Settembre Nero' e poi anche quando nell'ottobre 1973 gli eserciti di Egitto e Siria lanciarono un attacco simultaneo. In tutti quegli eventi turbinosi, al fianco della coriacea premier Golda Meir, Zamir ebbe un ruolo di primo piano, dietro le quinte, nelle stanze dove ogni giorno si dovevano prendere decisioni critiche e drammatiche. L'ufficio di Benyamin Netanyahu ha oggi reso omaggio alla sua figura: "E' stato uno dei capi del Mossad più influenti. E le sue tracce si avvertono anche oggi". Zamir era nato nel 1925 in Polonia col nome di Zvi Zherzheski. A 17 anni, in quella che era ancora la Palestina sotto Mandato britannico, si arruolò nel Palmach, la principale organizzazione armata ebraica. Dopo la fondazione di Israele, aveva fatto carriera nell'esercito fino ad essere nominato comandante della regione militare meridionale.

Per le sue doti particolari, nel 1968 il premier Levy Eshkol lo nominò capo del Mossad, carica rivestita fino al 1974. Israele era appena uscito trionfante dalla guerra dei sei giorni, ma non poteva concedersi distrazioni. Infatti da li' a poco sarebbero iniziati clamorosi dirottamenti di aerei da parte di terroristi palestinesi: un volo della El Al costretto ad atterrare ad Algeri, uno della Sabena dirottato a Tel Aviv, un attentato all'aeroporto Ben Gurion condotto da un commando di terroristi giapponesi filo-palestinesi. E poi l'episodio più clamoroso: la strage dei 12 atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco (1972) da parte dei palestinesi di Settembre Nero. Golda Meir e Zvi Zamir, entrambi dotati di nervi d'acciaio, avviarono allora una operazione con la quale - nel corso di anni, ed in diversi continenti - avrebbero eliminato tutti i responsabili della strage olimpica. Il Mossad in quegli anni fu incluso nel ristretto club dei servizi di sicurezza più efficienti al mondo. Ma ancora una volta il pericolo incombeva sullo Stato ebraico. Ed ancora una volta Zvi Zamir era al posto giusto al momento giusto. Aveva saputo individuare in Egitto un informatore di prima classe: l'uomo di affari Ashraf Marwan, un personaggio che aveva libertà di movimento nell'entourage del presidente Anwar Sadat. Il 5 ottobre 1973 Zamir volò a Londra da Marwan ed apprese che un conflitto di grandi dimensioni era questione di ore. Al suo ritorno in Israele allertò Golda Meir: ma il capo dell'intelligence militare Eli Zeira ed il ministro della difesa Moshe Dayan rimasero scettici. Israele si trovò dunque impreparato quando in effetti poche ore dopo iniziò la guerra del Kippur. "Zamir si è sempre rimproverato per non aver alzato la voce nella seduta decisiva prima della guerra", ha detto oggi alla radio militare Dany Yatom, un altro ex capo del Mossad: "Diceva che avrebbe dovuto battere i pugni sul tavolo, o forse anche rovesciare il tavolo nell'ufficio di Golda Meir". Zamir esce adesso di scena, proprio in mesi in cui Israele è di nuovo sgomento per essersi fatto cogliere totalmente di sorpresa - questa volta da Hamas - con l'attacco dello scorso ottobre.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza