Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Primo compleanno per Kfir, ma non si sa se vivo

Primo compleanno per Kfir, ma non si sa se vivo

Sui social la candelina nel tunnel del più piccolo degli ostaggi

ROMA, 04 gennaio 2024, 21:02

di Silvana Logozzo

ANSACheck

Il piccolo Kfir - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il piccolo Kfir -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Il piccolo Kfir - RIPRODUZIONE RISERVATA

Kfir ha compiuto un anno, se è ancora vivo. Lui è il bambino dai capelli rossi, il più piccolo tra gli ostaggi, rapito da Hamas il 7 ottobre nel kibbutz di Nir Oz insieme con il fratellino Ariel di 4 anni e la madre Shiri di 32. Il video del sequestro è stato postato dai terroristi su Telegram e mostrava l'angoscia della donna che tiene stretti in braccio i due figli avvolti in una copertina. Quelle immagini hanno ferito il mondo. Così come quelle di un altro video in cui il papà Yarden, anche lui ostaggio, viene ripreso da membri delle brigate Qassam che il 29 novembre gli danno in diretta la notizia della morte dei bambini e della moglie. Secondo loro sotto un "bombardamento sionista".

 

Video Primo compleanno per Kfir, ma non si sa se e' vivo

 

Oggi sui social israeliani rimbalza un piccolo disegno: un bimbo davanti a una minuscola torta con la candelina seduto da solo nel buio di un tunnel. Kfir, Ariel e Shiri avrebbero dovuto essere liberati entro la fine di novembre nell'ambito dell'accordo mediato da Egitto e Qatar. Ma così non è stato.

Il portavoce dell'esercito israeliano Daniel Hagari il 30 novembre ha dichiarato seccamente che le notizie diffuse dai terroristi sulla morte della famiglia Bibas non sono verificate. E in un briefing del 2 dicembre ha spiegato: "I Bibas avrebbero dovuto essere restituiti a Israele perché rientravano nella categoria da liberare: bambini e madri. Hamas ha deciso di non farlo". Il portavoce in lingua araba Avichai Adraee ha aggiunto qualcosa in più: Shiri e i due figli erano stati affidati da Hamas a un altro gruppo terroristico, probabilmente il fronte popolare per la liberazione della Palestina, e si ritiene che fossero stati portati nel sud, a Khan Younis. A una domanda dell'ANSA sulla sorte dei bambini, l'ambasciatore israeliano a Roma Alon Bar prima di Natale ha detto che non si sapeva nulla di più di quello che ha dichiarato l'Idf. I parenti in queste settimane hanno diffuso sui social un piccolo video con le immagini di momenti gioiosi dei due fratellini, perché non vengano dimenticati. Nessuno potrà scordare Kfir e Ariel, comunque vadano le cose.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza