Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Va bene qualsiasi governo ma senza Hamas'

'Va bene qualsiasi governo ma senza Hamas'

Tra gli sfollati a Rafah, tutti contro trasferimento all'estero

RAFAH, 04 gennaio 2024, 18:38

Redazione ANSA

ANSACheck

Una immagine di Rafah © ANSA/AFP

Una immagine di Rafah © ANSA/AFP
Una immagine di Rafah © ANSA/AFP

"Hamas? Mai più". E' il comune sentire fra gli sfollati accalcati a Rafah, costretti in quel confine con l'Egitto dai furiosi combattimenti in tutte quelle parti della striscia di Gaza in cui vivevano fino a poche settimane fa. Sono tanti, "i nuovi arrivati" sono ora oltre 1,3 milioni, spiega il sindaco della cittadina che contava circa 200 mila abitanti: sono stipati ovunque in tende di vario genere, da quelle più accoglienti e razionali regalate dal Qatar, a quelle più modeste ma sempre accettabili donate dall'Egitto, fino a poveri teli di plastica tenuti alla meglio da assi di legno dove di notte si gela.

"Quale futuro politico desideriamo?: Il nostro primo ed unico desiderio è avere da mangiare, trovare medicine, sopravvivere alla guerra. Poi si vedrà", ripetono in tanti mente tutti respingono, con toni perentori, ogni ipotesi o piano di trasferimento della popolazione di Gaza, come suggerito negli ultimi giorni da dirigenti di Israele. E sognano di tornare appena possibile nelle loro case, nei loro quartieri di origine.

Fra quanti si trovano dietro a un telo di plastica e qualche coperta c'è chi aveva fino a prima della guerra aveva un negozio di tappeti a Gaza, nel rione di Sheikh Radwan. Adesso quei tappeti sono un ricordo del passato e il suo unico desiderio è tornare nella sua bottega, nella sua casa. Anche se vi fosse una amministrazione militare israeliana, lascia intendere spiegando che, comunque, in caso di elezioni voterebbe al-Fatah. "In passato c'era che li riteneva corrotti, ma Hamas in 17 anni di governo ha saputo superarli di gran lunga", esclama sottolineando che "al momento non abbiamo leader che possano cambiare la situazione". E - aggiunge - una gestione di al-Fatah "potrebbe funzionare".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza