Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Verstappen 'F1 attuale un circo con cose strane, mi sento perso'

Verstappen 'F1 attuale un circo con cose strane, mi sento perso'

L'olandese "io sostengo sempre: meno gare, più qualità"

ROMA, 04 gennaio 2024, 16:17

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Paragona la Formula 1 attuale ad "un circo", con regole "strane" in cui si sente "perso", Max Verstappen, in un'intervista senza peli sulla lingua alla rivista tedesca 'Auto, motor und sport'. Il tre volte campione del mondo, pur dicendo di comprendere i motivi commerciali alla base di certe scelte, non nasconde la sua perplessità su determinati format introdotti di recente, dalla gara sprint all'obbligo di usare tre tipi diversi di pneumatici nelle relative qualifiche, e ribadisce che a suo modo di vedere ci sono troppi Gp in una stagione.
    "Per me ci sono troppe gare e sicuramente ne vorrei meno, ma non siamo noi a decidere e nemmeno la Fia - afferma l'olandese rispondendo ad una domanda su quanto sostiene il presidente della federazione, che vorrebbe meno Gp e più squadre -. Ma io sostengo sempre: meno gare, più qualità. E le squadre? Solo se sono di buona qualità e non si limitano a riempire il campo".
    Verstappen continua poi con le sue critiche alla gara sprint, che "vista da puro pilota toglie parte della magia, quella che per me mi dava da bambino accendere la tv e vedere la griglia di partenza chiedendomi come andrà a finire. La sprint ti consente invece più o meno di sapere cosa accadrà il giorno successivo, a meno che non si verifichino circostanze particolari. Inoltre, il vincitore ottiene solo otto punti e le differenze rispetto al secondo o al terzo non sono grandi quindi in genere non ha molta importanza".
    Il campione della Red Bull vorrebbe anche che nel weekend della sprint ci fossero due parchi chiusi distinti, uno relativo alla gara della domenica e uno a quella del sabato "dato che se sbagli il venerdì resti bloccato in una certa configurazione della monoposto per il resto del fine settimana. Fa schifo, perchè se sei sulla strada sbagliata, non puoi uscirne", Infine, Verstappen è contrario anche al formato della sprint shootout, la qualifica breve per la sprint: "Non mi piace il formato con mescola medio-medio-morbido. Già non sai cosa fare. Solo un giro veloce? Oppure veloce, lento, veloce? Perché abbiamo bisogno di tutte queste cose strane? Anch'io mi chiedo quali siano le regole adesso. Mi sento perso. È come un circo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza