Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Salvini, avanti sul Ponte, non ho paura di sinistra o giudici

Salvini, avanti sul Ponte, non ho paura di sinistra o giudici

Prendere a calci nel sedere la mafia nigeriana che vende droga

CAGLIARI, 21 febbraio 2024, 18:07

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Io finché mi fate fare il ministro vado in ufficio per fare le opere pubbliche che servono a questo Paese e non saranno la sinistra qualche giudice o qualche giornalista di sinistra a farmi paura". Così il leader della Lega Matteo Salvini dal palco di Cagliari per Paolo Truzzu, a proposito dell'apertura da parte della Procura di Roma di un fascicolo sul Ponte sullo Stretto di Messina.
    Il vicepremier ha parlato anche del suo processo a Palermo.
    "Penso di essere uno dei pochi ministri non solo in Italia ma in Ue che ogni mese va sul banco degli imputati con l'accusa di sequestro di persona perché ho bloccato gli sbarchi di clandestini perché era mio dovere non un mio piacere - ha sottolineato -. Sarei orgoglioso di andare in galera per aver difeso i confini del mio paese ma prima verrò a prendere a calci nel sedere la mafia nigeriana, non c'è posto in Sardegna per la mafia nigeriana, se volete vendere droga andatevene nel vostro paese non qua a rovinare la vita ai nostri ragazzi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza