Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maltrattano una bimba disabile, arrestate due maestre

Maltrattano una bimba disabile, arrestate due maestre

Indagini dei carabinieri in una scuola in provincia di Gorizia

TRIESTE, 26 febbraio 2024, 15:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Due maestre di una scuola dell'infanzia in provincia di Gorizia sono state arrestate dai carabinieri in quanto gravemente indiziate, a vario titolo, del reato di maltrattamenti di minori all'interno dell'istituto.
    Le indagini, iniziate a dicembre 2023, sono state avviate a seguito di una segnalazione, indirizzata ai militari, per ripetuti strattonamenti da parte di personale docente ai danni di una bambina con disabilità. Per le due insegnanti sono stati disposti gli arresti domiciliari.
    I militari dell'Arma della Compagnia di Monfalcone hanno dato esecuzione questa mattina all'ordinanza cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Gorizia.
    I provvedimenti giungono al termine di una complessa attività investigativa, condotta dai militari della locale stazione e coordinata dalla Procura della Repubblica di Gorizia.
    Dopo le prime informazioni testimoniali acquisite dagli investigatori, su disposizione dell'autorità giudiziaria, si è proceduto con un'attività d'indagine, soprattutto di natura tecnica, nei locali in cui gli alunni si intrattengono per le attività formative e ludiche. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, gli elementi raccolti hanno potuto documentare diversi episodi di maltrattamenti, agiti dalle indagate quasi quotidianamente nei confronti della bimba, spesso anche davanti agli altri bambini.
    La frequenza e intensità delle ritenute violenze, sia fisiche - nella fattispecie spinte, strattoni e schiaffi - sia psicologiche, con grida, urla, rimproveri, parolacce e imprecazioni, hanno indotto gli inquirenti ad accelerare le attività d'indagine e ad avanzare richiesta di misura cautelare al Gip, per ottenere, quanto prima possibile, un vaglio delle acquisizioni investigative da parte del Gip, che ha confermato la serietà dell'impianto accusatorio, riconoscendo, tra l'altro, la sussistenza dell'esigenza cautelare del pericolo di reiterazione dei sospettati maltrattamenti
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza