Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gaza, 24 paesi dell'America latina chiedono il cessate il fuoco

Gaza, 24 paesi dell'America latina chiedono il cessate il fuoco

Nella dichiarazione anche la richiesta di liberare gli ostaggi

RIO DE JANEIRO, 03 marzo 2024, 02:53

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

I capi di Stato di 24 paesi dell'America latina e dei Caraibi hanno firmato una dichiarazione congiunta in cui chiedono un "cessate il fuoco umanitario immediato" nella Striscia di Gaza.
    Nel documento, i leader dichiarano di "deplorare l'assassinio di civili israeliani di circa 30.000 palestinesi" e di essere preoccupati in particolare per "la sofferenza della popolazione civile palestinese".
    I leader latinoamericani, che si sono riuniti per l'ottavo vertice della Comunità dell'America latina e degli stati dei Caraibi (Celac) a San Vincent e Grenadine, chiedono anche "il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi" nelle mani di Hamas "nonché la garanzia dell'accesso umanitario alle aree colpite" dal conflitto.
    La dichiarazione cita anche il sostegno all'agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi (Unrwa)".
    Viene in ultimo "preso atto dei casi in corso davanti alla Corte internazionale di giustizia per determinare" se l'occupazione israeliana "costituisca una violazione del diritto internazionale e se l'attacco di Israele a Gaza costituisce genocidio".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza