Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Guida francese morta a Courmayeur, "decesso per traumi"

Guida francese morta a Courmayeur, "decesso per traumi"

L'esito del riscontro diagnostico è arrivato alla procura

AOSTA, 29 febbraio 2024, 19:08

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' stata la frattura di alcune vertebre a provocare il decesso della guida alpina Yan Raulet, il sessantenne francese morto lunedì 26 febbraio a Courmayeur in un incidente con gli sci in fuoripista. La procura di Aosta attendeva l'esito del riscontro diagnostico per concedere il nulla osta al trasferimento della salma in Francia: la visita esterna svolta dal medico legale a seguito dell'incidente non aveva fatto emergere ferite compatibili con la morte. Residente a Chamonix (Francia), Raulet era precipitato da un salto di roccia per circa 20 metri dopo essersi staccato dal gruppo che guidava per andare a verificare un percorso. I quattro clienti che lo aspettavano, non vedendolo tornare, avevano dato l'allarme. L'incidente si era verificato in una zona in fuoripista non vietata agli sciatori, tra gli impianti di risalita Zerotta e Peindeint. Sul posto era intervenuto il Soccorso alpino valdostano, insieme alla polizia di Stato che si è occupata degli accertamenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza