Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sfregiato con un coltello, dieci anni al presunto aggressore

Sfregiato con un coltello, dieci anni al presunto aggressore

Inquirenti, "una punizione per la relazione con la sua ex". Difesa Zampaglione: "Faremo appello"

AOSTA, 01 marzo 2024, 13:46

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il gup di Aosta Luca Fadda ha condannato in abbreviato a dieci anni di reclusione Saverio Zampaglione, aostano di 46 anni, accusato di deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso.
    Secondo le indagini della polizia - coordinate dal pm Luca Ceccanti - il 24 febbraio del 2023 aveva sfregiato un uomo di 49 anni, procurandogli una cicatrice permanente sul viso.
    Per gli inquirenti, all'origine dell'aggressione c'era una "volontà di possesso": Zampaglione avrebbe voluto "punire" il 49enne per la relazione che la propria ex compagna aveva avuto tempo prima con lui. I fatti erano avvenuti nel tardo pomeriggio, nel parcheggio di un ipermercato di Pollein, alle porte di Aosta. I due si erano incontrati per parlare.
    La vittima - hanno ricostruito gli investigatori della squadra mobile di Aosta - era salita nell'auto di Zampaglione, che lo aveva aggredito con un'arma da taglio, procurandogli una profonda ferita al volto. Il 49ennne era riuscito a fuggire in auto e aveva chiesto aiuto ai vigili del fuoco, che avevano chiamato il 118. L'uomo era poi stato portato all'ospedale regionale Parini di Aosta.
    Dalle telecamere di videosorveglianza, del parcheggio e della zona, gli investigatori erano risaliti a Zampaglione. Nella sua auto erano state trovate delle tracce di materiale organico, una parte delle quali è poi risultata compatibile con il profilo genetico dell'aggredito. Nel luglio del 2023 Zampaglione era quindi stato arrestato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare.
   

Difesa Zampaglione, "faremo appello"

“Aspettiamo il deposito delle motivazioni della sentenza, sicuramente verrà presentato appello”. Così gli avvocati Antonio Morra e Simona Bau, del foro di Biella, dopo la condanna in abbreviato a dieci anni di reclusione del loro assistito, Saverio Zampaglione, aostano di 46 anni, accusato di deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso. Nei suoi confronti la procura di Aosta aveva chiesto una pena di otto anni. I legali non entrano nel merito della linea difensiva adottata durante il processo a porte chiuse, ma respingono ogni accusa nei confronti del proprio assistito. “Una condanna che troviamo ingiusta”, dice Morra.Le motivazioni del gup Luca Fadda sono attese entro 30 giorni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza