Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Autista donna alla guida del bus, coro di ragazzini intona 'stupro stupro'

Autista donna alla guida del bus, coro di ragazzini intona 'stupro stupro'

Episodio su un mezzo di trasporto pubblico del Trevigiano, indaga la polizia locale

TREVISO, 01 marzo 2024, 21:47

Redazione ANSA

ANSACheck
Bus della Società Mom -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Bus della Società Mom - RIPRODUZIONE RISERVATA

Bus della Società Mom - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un bus di linea guidato da un'autista donna, un gruppo di ragazzini minorenni che sale sul mezzo di ritorno da scuola, e ad un certo punto un coro agghiacciante che parte dal fondo della corriera: "stupro, stupro...". E' l'episodio scioccante subito da una giovane dipendente della Mom, la società di trasporto pubblico di Treviso, che da tempo è costretta a convivere con bande di bulli e violenti che salgono sui pullman come entrassero in un saloon. Il fatto è avvenuto alla fine del 2023, sulla tratta Conegliano-Pieve di Soligo, la zona dei vigneti del prosecco.

A bordo quella sera c'era per fortuna anche una pattuglia della polizia municipale, che 'soccombendo' numericamente rispetto al gruppo di violenti, una trentina di studenti, ha pensato bene che far sentire in sicurezza la donna alla guida, restano a bordo del mezzo per alcune fermate. Non risulta sia in corso una indagine ufficiale sul grave episodio, ma non è escluso si arrivi all'identificazione dei protagonisti del gesto vergognoso, per segnalarli alle autorità.

Tra la società Mom e le forze dell'ordine c'è un dialogo continuo. Pattuglie dei vigili urbani, e Carabinieri controllano le tratte e le fermate più 'calde'. Mom ha aggiunto anche un gruppo di 7 vigilantes privati che verificano la situazione sui mezzi, a tutela degli autisti e dei passeggeri. Alla giovane autista sarebbe stato offerto di cambiare turni di lavoro, su linee meno frequentate da bulli e baby gang. Ma lei ha rifiutato, preferendo continuare a fare il suo normale servizio. Non è la prima volta comunque che episodi di micro-criminalità e intemperanze verbali vedono protagonisti gruppi di ragazzi sulle corriere del servizio pubblico nella provincia della Marca. Mom copre le tratte extraurbane con 350 autobus, su tutta la pedemontana, da Vittorio Veneto e Bassano del Grappa. Il presidente della società, Giacomo Colladon, ha informato del problema Questore e Prefetto di Treviso. "Il nostro personale - ha spiegato - fa il possibile perché sia garantito l'ordine pubblico e la tranquillità per i passeggeri, e le forze dell'ordine sono spesso presenti". Per Colladon, tuttavia, molto si spiega "con una larghissima parte di genitori che non fanno più i genitori".

"Ho una certa età - ha aggiunto - e se avessi commesso una cosa simile mio padre mi avrebbe preso a calci nel sedere prima ancora di informarsi sui dettagli dell'accaduto. Invece qui siamo di fronte a famiglie assenti che non insegnano il rispetto per il prossimo, quando il prossimo è anche il conducente dell'autobus sul quale stai viaggiando o il controllore che ti chiede di esibire il biglietto". Anche i sindacati denunciano la gravità della situazione: "la violenza, verbale o fisica contro i lavoratori è sempre grave, ma quando va a colpire una donna con ingiurie sessiste è inaccettabile" afferma Stefano Bergamin, vicesegretario della Fit Cisl Belluno Treviso, e alla guida della Rsu di Mom. Le donne che conducono i bus di Mom sono il 10% del totale degli autisti della società. "Lo scorso - ricorda Bergamin - all'avvio della tratta estiva Treviso-Jesolo, un'altra autista era stata pesantemente insultata sempre con offese a sfondo sessista. Nel mirino sono spesso finite anche le agenti accertatrici durante i controlli di routine all'interno dei mezzi".

Presidente Società Mom, 'colpa dei genitori'

La vicenda per il presidente della stessa Mom, Giacomo Colladon, è attribuibile "in larghissima misura a genitori che non fanno più i genitori".

"Ho una certa età - aggiunge Colladon - e se avessi commesso una cosa simile mio padre mi avrebbe preso a calci nel sedere prima ancora di informarsi sui dettagli dell'accaduto. Invece qui siamo di fronte a famiglie assenti che non insegnano il rispetto per il prossimo, quando il prossimo è anche il conducente dell'autobus sul quale stai viaggiando o il controllore che ti chiede di esibire il biglietto".
Il presidente di Mom evidenzia la grande collaborazione che sta ricevendo da forze di polizia ed autorità locali, le quali hanno subito individuato la trentina di ragazzi, quasi tutti minorenni, che avrebbero preso parte all'episodio. Si tratterebbe di figli di famiglie residenti nell'area di Pieve di Soligo (Treviso).

Come azienda, ha detto ancora, "non possiamo fare molto contro comportamenti di questo genere o altri, frequenti, di aggressioni a nostri dipendenti. Potremmo provare a rifiutare il rinnovo degli abbonamenti per un certo periodo ma questo comporterebbe conseguenze per noi sul piano legale. Provvedimenti di limitazione o di allontanamento, sul modello dei 'Daspo' - conclude Colladon - possono essere assunti solo dalle forze dell'ordine". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza