Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pescatore Lampedusa, quei due ragazzi sugli scogli

Il racconto del salvataggio di due migranti insieme al figlio

21 novembre 2023, 16:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA
(ANSAmed) - LAMPEDUSA, 21 NOV - "Se non li avessimo issati a bordo, per le condizioni in cui erano, non ci sarebbe stata un'altra alba per loro. Mio figlio mi ha detto: 'Papà avremo dei guai!'. 'Sono io il comandante, portiamo in salvo questi ragazzini', gli ho risposto". Salvatore Del Volgo, pescatore di Lampedusa, racconta il salvataggio dei due giovanissimi migranti, recuperati nel tardo pomeriggio di lunedì sugli scogli. Quando la barca, partita da Sfax con 53 persone a bordo, è colata a picco, i naufraghi hanno raggiunto a nuoto gli scogli di Capo Ponente. Quarantatré sono stati salvati dalla Capitaneria di porto, fra cui la bimba di 2 anni che è morta prima di essere sbarcata al porto, 8 i dispersi. Due, a nuoto, sono arrivati invece sulla scogliera di Muro Vecchio.

"Stavamo pescando davanti a Capo Ponente - prosegue Salvatore Del Volgo -quando abbiamo visto un gruppo di migranti, 10 forse 15 persone. Ho chiamato i carabinieri, che ci hanno detto che ci avrebbero pensato loro a far intervenire le motovedette, e abbiamo proseguito. Proseguendo verso nord, con mio figlio Giuseppe abbiamo visto altre due persone arrampicate sugli scogli. Appena hanno scorto la nostra barca, si sono buttati in mare, cercando di raggiungerci". Salvatore Del Volgo non ha dubbi: "Non potevamo lasciarli lì, non sarebbero sopravvissuti.

Li abbiamo issati a bordo, fatti mettere vicino al motore dove c'era un po' di caldo e coperti con tutto quello che avevamo sulla barca. Erano stremati, avevano sete e fame". Salvatore e Giuseppe hanno dato ai due, che pare siano fratelli, due bottiglie d'acqua e un filone di pane. "Uno in particolar modo, per quanto era malconcio, abbiamo temuto che non arrivasse a terra", aggiunge Salvatore Del Volgo che non aveva mai soccorso prima dei migranti. "Alcune volte, durante le battute di pesca, abbiamo visto e segnalato barchini in viaggio. Ma mai ci siamo trovati in questa situazione", spiega il lampedusano abituato ad uscire in mare, con il peschereccio, alle 4,30 e poi, con la barca più piccola, nel pomeriggio. "Avevano fame e stavano morendo di sete - ricorda -. Abbiamo dato tutta l'assistenza possibile durante il viaggio verso Cala Pisana. Abbiamo chiesto cosa fosse successo. Hanno ripetuto 'barchino', 'barchino', ma non c'erano imbarcazioni dove li abbiamo recuperati". I due pescatori non sapevano ancora che nel primo pomeriggio una carretta era naufragata nelle acque antistanti Capo Ponente.

"Abbiamo capito che i due ragazzi sono fratelli, dovrebbero avere meno di 20 anni, ma non siamo riusciti a comprendere da quale Paese provengono. Credo siano ivoriani, so solo che stavano male". I due ragazzi, che devono la vita a Salvatore e Giuseppe Del Volgo, sbarcati a Cala Pisana con l'ambulanza del 118 sono stati portati al Poliambulatorio: uno addirittura è stato messo sulla barella perché non riusciva a reggersi in piedi. "Non sappiamo che fine faranno, ma di una cosa sono certo: non potevamo lasciare quei ragazzini sugli scogli di Muro Vecchio", conclude l'anziano pescatore. (ANSAmed).

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

Ultima ora Mondo

Errore 404 - Pagina non trovata - ANSA.it Pescatore Lampedusa, quei due ragazzi sugli scogli - Storie dal Mediterraneo - Ansa.it
404

Pagina non trovata

Le cause principali per cui viene visualizzata una pagina di errore 404 sono le seguenti:

  • un URL digitato erroneamente
  • un segnalibro obsoleto
  • un collegamento datato proveniente da un motore di ricerca
  • un link interno interrotto non rilevato dal webmaster.

Se riscontri il problema, ti invitiamo a contattarci per segnalarlo.

Grazie.