Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo

Giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo

Fenomeno spesso colpisce i disabili. Barbacci (Cisl), la scuola non può agire da sola

ROMA, 07 febbraio 2024, 15:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

ISi celebra il 7 febbraio la Giornata azionale contro il bullismo e il cyberbullismo. I dati del monitoraggio di questo fenomeno che colpisce spesso i disabili, condotto dal ministero dell'Istruzione su un campione di più di 185mila studenti e più di 44mila docenti nell'anno scolastico 2022/23, rilevano che la prepotenza "faccia a faccia" ha colpito il 26,9% degli intervistati e vede il 17,5% del campione come parte attiva.Nella modalità digitale i numeri rivelano un 8% degli studenti intervistati nel ruolo di vittime e il 7,2% come autori di episodi di cyberbullismo.

    "Sul cyberbullismo la scuola è da tempo impegnata - afferma la segretaria generale della Cisl Scuola, Ivana Barbacci - per tutelare i minori da insidie che si nascondono in Internet: frodi, revenge porn, incitazione all'autolesionismo, all'anoressia e alla bulimia, molestie e denigrazione, e molto altro. Il contrasto a questi fenomeni passa necessariamente da una formazione che coinvolga famiglie, docenti e in modo particolare gli studenti, esposti sin da giovanissimi all'uso della Rete".

    "Oltre ai referenti già presenti nelle scuole - prosegue Ivana Barbacci - occorre promuovere un ruolo attivo tra gli studenti, spesso inconsapevoli delle conseguenze sociali e giudiziarie di possibili trasgressioni; perché ad esempio non affidare, a quelli tra loro che possono aver tratto conoscenze e competenze da esperienze direttamente vissute, un ruolo di formatore tra pari?" "In ogni caso - sottolinea Barbacci - e soprattutto su problemi di questa natura, la scuola non può agire efficacemente se si ritrova a farlo da sola. Trovino spazio esplicitamente nei patti di corresponsabilità. Così come è fondamentale che, in caso di misure assunte nei confronti degli alunni coinvolti, non si perda mai di vista il fine educativo, e non meramente punitivo, che nella scuola è richiesto anche ai provvedimenti disciplinari".

    "Del gravissimo episodio di Varese - conclude la segretaria generale Cisl Scuola - voglio però mettere in evidenza soprattutto un aspetto: quello della preoccupazione manifestata dall'insegnante, ricoverata in ospedale, per l'alunno che l'aveva aggredita. Questo spiega, meglio di ogni discorso, cosa significa per un insegnante quel prendersi cura che è parte fondante della sua professionalità. E interroga tutti noi su come mai, oggi, proprio le professioni di cura finiscano spesso al centro di episodi di violenza: un segno, fra l'altro, di quanto la comunità non ne consideri abbastanza l'importanza e il valore". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza