Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Arresto cardiaco, anche i bambini riescono a fare il massaggio

Arresto cardiaco, anche i bambini riescono a fare il massaggio

Manovre efficaci già a 10 anni, a 6 riescono a chiamare soccorso

ROMA, 11 ottobre 2023, 12:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I bambini tra i 10 e i 12 anni, se adeguatamente formati, sono già in grado di eseguire efficacemente le manovre necessarie per soccorrere le persone colpite da arresto cardiaco, come il massaggio cardiaco, mentre a 6 anni riescono a comprendere la situazione di emergenza, contattare i soccorsi e descrivere la situazione di pericolo. È quanto afferma un documento di raccomandazione pubblicato sulla rivista Resuscitation e redatto dall'European Resuscitaton Council (Erc), a cui hanno partecipato gli esperti di Italian Resuscitation Council (Irc).

Ogni anno in Europa si registrano circa 400 mila arresti cardiaci (60 mila in Italia) e si stima che solo nel 58% dei casi chi assiste intervenga con le manovre salvavita e nel 28% dei casi con il defibrillatore. La possibilità di sopravvivenza all'arresto cardiaco diminuisce del 10% per ogni minuto che passa; per questo è essenziale che chi vi assiste effettui subito le manovre salvavita.

Per creare consapevolezza sull'importanza del primo soccorso e della rianimazione cardiopolmonare Italian Resuscitation Council promuove tra il 16 e il 22 ottobre la settimana 'VIVA!'.

L'iniziativa, realizzata con il patrocinio della Camera dei Deputati, del ministero dell'Istruzione e del Merito, del Coni e di Sport e Salute, prevede incontri gratuiti di informazione e sensibilizzazione sulle manovre di primo soccorso in caso di arresto cardiaco come il massaggio cardiaco e l'uso del defibrillatore automatico esterno (Dae). Culminerà il 16 ottobre nella Giornata Internazionale della Rianimazione Cardiopolmonare.

In occasione di 'VIVA!', la società scientifica lancia inoltre un concorso rivolto a tutte le scuole medie e superiori italiane: le scuole si sfideranno al videogioco per smartphone e tablet 'Codename: ResUs', realizzato da Irc per insegnare in modo interattivo ai ragazzi le manovre salvavita. La scuola vincitrice si aggiudicherà un defibrillatore automatico esterno da installare nell'istituto scolastico. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza