Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Roma, al Bambin Gesù 4 trapianti in 24 ore

Roma, al Bambin Gesù 4 trapianti in 24 ore

Tre di reni e uno di fegato in ragazzi tra i 13 e i 25 anni

ROMA, 27 ottobre 2023, 11:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La scorsa settimana, tra il 17 e il 18 ottobre, all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma sono stati eseguiti tre trapianti di rene e uno di fegato su tre ragazzi e una ragazza affetti da gravi patologie. Tutti i pazienti sono ora in buone condizioni.
    La due giorni da record, che ha visto coinvolti circa 40 operatori sanitari, è iniziata nel tardo pomeriggio del 17 ottobre con il trapianto di fegato in una tredicenne, in attesa dell'organo da sei mesi a causa di una patologia che porta alla distruzione dei dotti biliari, i canali deputati al trasporto della bile dal fegato all'intestino. Il 18 ottobre si sono poi susseguiti i tre interventi di trapianto renale in ragazzi di 15, 16 e 25 anni. Quest'ultimo era in dialisi da 8 anni ed era già stato sottoposto a un primo trapianto renale non andato a buon fine, nel 2011. Il ragazzo era in lista di trapianto di rene da circa 7 anni, ma l'alta produzione di anticorpi sviluppata dopo il primo trapianto ha reso molto difficoltoso reperire un nuovo organo idoneo senza rischio di rigetto.
    "Il primo ringraziamento va alle famiglie dei due donatori che in un momento di grande dolore hanno aperto il cuore alle ragioni della solidarietà e della vita per 4 ragazzi", ha affermato in una nota Marco Spada, responsabile dell'Unità operativa complessa di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e dei Trapianti di Fegato e Rene del Bambin Gesù. "La realizzazione di questa sequenza di trapianti è stata possibile anche grazie all'utilizzo delle macchine di perfusione extracorporea degli organi, che consentono di prolungare i tempi di ischemia.
    Desidero inoltre ringraziare tutto il personale, sanitario e non, che ha collaborato alla riuscita dei 4 interventi in sole 24 ore. Un risultato così importante non può che essere frutto di un grande lavoro di équipe".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza