Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tardive il 40% delle diagnosi di diabete 1, accelerare sullo screening

Tardive il 40% delle diagnosi di diabete 1, accelerare sullo screening

Endocrinologi, 16 anni di vita in meno senza gestione ottimale

ROMA, 14 novembre 2023, 11:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 nei bambini arriva in ritardo, quando compare un episodio di chetoacidosi, uno squilibrio metabolico grave che porta in Pronto Soccorso e può lasciare danni permanenti. Il ritardo può incidere anche sull'aspettativa di vita, che può essere ridotta di 16 anni se la malattia insorge prima dei 10 anni e non è controllata opportunamente. In vista della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra domani 14 novembre, la Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) fa il punto sull'importanza della diagnosi precoce del diabete di tipo 1 e sull'urgenza dell'attivazione dello screening per la patologia.

 

L'Italia è il primo Paese al mondo ad avere istituito uno screening del diabete di tipo 1, grazie alla legge 130/2023 promulgata lo scorso 15 settembre. "È urgente e necessario che vengano emanati al più presto i decreti attuativi per individuare i bambini e i ragazzi ad alto rischio, prima che si arrivi a uno scompenso che può mettere in pericolo perfino la vita", dice Valentino Cherubini, presidente Siedp e direttore della Diabetologia Pediatrica agli Ospedali Riuniti di Ancona.

"Se la malattia ha un insorgenza precoce e compare nei bimbi al di sotto dei 10 anni d'età, causa una perdita di 16 anni di aspettativa di vita. Tuttavia, se diagnosticata in tempo, curata e ben controllata da adulti l'aspettativa di vita è la stessa della popolazione senza diabete", sottolinea il diabetologo. Lo screening potrà consentire inoltre di utilizzare terapie - non ancora disponibili in Italia - in grado di ritardare la comparsa della malattia.

L'incidenza del diabete di tipo 1 è in crescita da tempo a un tasso del 3-4% annuo e ha subito un'impennata nei due anni di pandemia: di circa il 14% nel primo anno e del 27% nel secondo.

In aumento anche il diabete di tipo 2, una malattia che fino a qualche tempo fa era tipica dell'età adulta e che oggi anche a causa di sovrappeso, obesità, stili di vita scorretti cresce anche negli under-20.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza