Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Cyberviolenza di genere, un vedemecum per difendersi

Cyberviolenza di genere, un vedemecum per difendersi

Rivolgersi a Polizia Postale, non cancellare prove di molestie

ROMA, 24 novembre 2023, 15:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Rivolgersi alla Polizia postale, usare un dispositivo sicuro per chiedere aiuto, non cancellare messaggi o app sospette sul telefono perché si eliminano prove utili per una denuncia. Sono alcuni consigli contenuti nel vademecum stilato dal progetto europeo DeStalk che si prefigge di combattere la violenza di genere online.
    "Il mezzo è virtuale, ma l'abuso è reale e i suoi effetti sono concreti", spiega DeStalk. Secondo una ricerca di Un Women, l'ente per l'uguaglianza di genere delle Nazioni Unite, una donna su 10 nell'Unione europea ha subito molestie informatiche dall'età di 15 anni. In Italia - dice uno studio dell'associazione no profit Permesso Negato - sono circa 2 milioni le vittime di diffusione non consensuale di materiale intimo, fenomeno comunemente conosciuto come revenge porn.
    Revenge porn, stalking online, linguaggio d'odio o denigratorio sui social, limitazione nell'accesso alla tecnologia sono alcune forme di violenza online contro le donne, spesso parte di un continuum che si subisce anche nell'offline.
    Cosa possono fare le donne per proteggersi dalle molestie informatiche? Secondo il vademecum di DeStalk è buona norma, in generale, preservare i propri dispositivi con password non facilmente indovinabili; controllare le impostazioni di privacy dei social media scegliendo il livello più alto; fare attenzione a quello che si posta evitando contenuti che possono rivelare spostamenti, foto, informazioni sensibili come indirizzo, data di nascita, numero di telefono o carta di credito che possono essere sfruttate per danneggiare te o la tua reputazione.
    Se invece, nello specifico, si pensa di essere vittima di cyberviolenza, DeStalk consiglia di rivolgersi alla Polizia Postale (si può fare anche in anonimato e senza l'obbligo di sporgere denuncia), in alternativa di contattare un centro antiviolenza per ricevere assistenza e consigli su come muoversi. Il vademecum consiglia di utilizzare un dispositivo sicuro per chiedere aiuto. E, molto importante, non cancellare messaggi o app sospette sul telefono, perchè si eliminano così prove utili per tutelarsi a fronte di una denuncia. Spesso molte donne li cancellano per rimuovere l'accaduto, una forma di difesa mentale da opporre alla vergogna di un abuso.
    "La violenza online è un problema crescente in tutto il mondo, ancor di più dopo la pandemia di Covid-19, è spesso basata sul genere e prende di mira donne e ragazze. La cyberviolenza ostacola la piena realizzazione dell'uguaglianza di genere e viola i diritti delle donne", ha dichiarato il Consiglio d'Europa in un documento.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza