Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Apple, 1 italiano su 2 teme per sicurezza dei bimbi online

Apple, 1 italiano su 2 teme per sicurezza dei bimbi online

Ma il 41% non ha mai attivato misure protezione su dispositivi

ROMA, 06 febbraio 2024, 11:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La metà dei genitori italiani (il 53%) ha paura che i figli vengano contattati da sconosciuti online, il 47% teme il cyberbullismo il 42% del possibile utilizzo dei social media mentre il 38% è in pensiero per quello che i più piccoli potrebbero scoprire su internet. Sono i risultati di una ricerca condotta da Apple su un campione di oltre mille adulti e ragazzi dai 7 ai 16 anni, rilasciata oggi in occasione del Safer Internet Day.
    Emerge però che il 38% dei genitori che si è detto informato sugli strumenti disponibili sui dispositivi tecnologici per la sicurezza e protezione online dei figli, non li ha implementati. In particolare, il 41% non ha attivato alcuna protezione su smartphone e tablet dei piccoli perché non è a conoscenza di funzionalità dedicate o non sa come fare.
    Apple fa sapere che da tempo lavora per aiutare i genitori e tutori a utilizzare vari strumenti utili a mantenere bambini e ragazzi al sicuro. Ad esempio ci sono le restrizioni a contenuti e privacy per impedire di installare nuove applicazioni ed effettuare acquisti in-app. Altro modo, è la possibilità di bloccare i contenuti per adulti o aprire solo i siti web selezionati dai genitori stessi così come disattivare il browser di navigazione online Safari e installare programmi progettati per i bambini. Infine, con un aggiornamento arrivato nel corso del 2023 Cupertino ha introdotto la funzione 'Tutto bene' su iPhone: permette di informare automaticamente un genitore o una persona amica che si è arrivati a destinazione e scegliere quali dettagli mostrare se non si riceve il messaggio finale di conferma sul proprio arrivo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza