Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pronto il bio-computer fatto di Dna, ha 100 miliardi di circuiti

Pronto il bio-computer fatto di Dna, ha 100 miliardi di circuiti

Risolve equazioni, ma può aprire anche alla diagnosi di malattie

ROMA, 19 settembre 2023, 13:32

Redazione ANSA

ANSACheck

È pronto il bio-computer basato sul Dna, la molecola che contiene il manuale di istruzioni per la vita: non è il primo tentativo di realizzare un sistema di elaborazione dati biologico, ma in questo caso i ricercatori guidati dall'Università cinese Jiao Tong di Shangai sono riusciti a mettere a punto un dispositivo in grado di elaborare più di pochi algoritmi, e ciò grazie ai 100 miliardi di circuiti che è in grado di formare. Il risultato è stato pubblicato sulla rivista Nature: per ora il bio-computer è in grado di risolvere equazioni ed altre operazioni matematiche ma, secondo gli autori dello studio, potrebbe essere adattato anche ad altri scopi, come la diagnosi di malattie.

Il calcolo basato sul Dna è un'idea sviluppatasi molto rapidamente a partire dal 1994, in modo analogo ai computer quantistici, e ha il potenziale per creare macchine che offrono progressi significativi in termini di velocità, capacità ed energia consumata.

I ricercatori guidati da Hui Lv volevano costruire qualcosa che fosse più versatile rispetto agli sforzi precedenti, con una gamma più ampia di potenziali usi: "La programmabilità e la scalabilità costituiscono due fattori critici per ottenere un'elaborazione generica e versatile. La programmabilità - affermano gli autori dello studio - consente al computer di eseguire vari algoritmi, mentre la scalabilità consente la gestione di una quantità crescente di lavoro mediante l'aggiunta di risorse al sistema".

L'approccio seguito dai ricercatori per raggiungere questo obiettivo si è basato su brevi sequenze di Dna fissate insieme per creare strutture più grandi, che possono poi essere integrate con varie combinazioni all'interno dei circuiti. I segmenti di Dna sono stati mescolati all'interno di provette riempite di liquido, facendo affidamento su reazioni chimiche per attaccare i pezzetti l'uno all'altro.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza