Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Intelligenza artificiale per monitorare gli stambecchi

L'Intelligenza artificiale per monitorare gli stambecchi

Progetto dell'Università di Zurigo nel Parco del Gran Paradiso

AOSTA, 08 agosto 2023, 11:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 L'Intelligenza artificiale per monitorare gli stambecchi del Parco nazionale del Gran Paradiso.Il progetto, sperimentale, è stato curato dall'Università di Zurigo. L'obiettivo è "automatizzare il riconoscimento dei singoli individui a scopo di conservazione e ricerca scientifica, minimizzando il disturbo agli animali.

"La raccolta di dati a lungo termine su questi animali - si legge in una nota - è fondamentale in quanto consente di monitorare le dinamiche delle popolazioni nel tempo tenendo anche in considerazione le differenze individuali che si sono dimostrate di fondamentale importanza. Un segno caratteristico di riconoscimento sono le corna, che mostrano una cospicua variabilità interindividuale e quindi possono essere utilizzate per l'identificazione dei singoli esemplari. L'occhio umano però non è abbastanza allenato per riconoscere immediatamente i diversi individui ed ecco allora che può venire in aiuto l'Intelligenza artificiale".
    "Grazie a migliaia di fotografie scattate agli stambecchi marcati presenti nel Parco, la cui identità è quindi certamente nota, è stato possibile allenare un sistema di 'deep learning' per riconoscere l'identità degli esemplari ripresi. Il sistema di riconoscimento è stato poi testato su altre migliaia di immagini scattate agli stessi individui per verificare qual è la percentuale di immagini la cui identità viene assegnata correttamente. I primi risultati sono molto promettenti e mostrano che l'accuratezza nell'assegnazione della corretta identità si aggira intorno al 90%" spiegano Alice Brambilla e Laurens Bohlen dell'Università di Zurigo . Il passo successivo sarà la creazione di un'applicazione per dispositivi mobili per utilizzare il metodo direttamente sul campo, durante le osservazioni, usandolo per riconoscere anche animali non marcati. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza